La Banca Mondiale anticipa tutti e parte con il primo progetto verde in Africa e Medioriente

di Redazione 1

Mentre i grandi della Terra litigano sull’entità della cifra da stanziare per aiutare i Paesi in via di sviluppo ad affrontare i cambiamenti climatici, la Banca Mondiale ha annunciato che 5,5 miliardi di dollari saranno investiti in progetti di energia solare concentrata in cinque paesi del Medio Oriente e Nord-Africa (Algeria, Egitto, Giordania, Marocco e Tunisia), che ha un senso molto più che investire in progetti di energia solare nella nuvolosa Germania, o nei Paesi del Nord che di sole ne hanno ben poco.

Il  Clean Technology Fund della Banca Mondiale ha già stanziato 750 milioni di dollari, e questo finanziamento servirà per “mobilitare un ulteriore 4,85 miliardi di dollari provenienti da altre fonti”. In una dichiarazione alla stampa, il rappresentante della Banca mondiale ha spiegato:

La proposta della diffusione su scala dei gigawatt di 11 centrali elettriche di scala commerciale nell’arco di tre-cinque anni potrebbe fornire la massa critica di investimenti necessari per attrarre un significativo interesse del settore privato, far beneficiare le economie di scala per ridurre i costi, con il risultato dell’apprendimento in condizioni operative diverse, e gestione dei rischi.

Andare dove c’è il sole sembra una cosa ovvia, ma è considerato un “senso nuovo” delle politiche energetiche su ampia scala. Ma ciò che importa di più è che questa iniziativa contribuirà a togliere gli altri ostacoli che bloccano l’enorme potenziale del solare della regione. Questi ostacoli sono quelli che le zone povere del mondo hanno sempre avuto, e cioè una mancanza di percezione del rischiomancanza di coerenza nel Business Plan ed un mancato riconoscimento del diritto al lavoro.

Se i progetti otterranno buoni risultati, potrebbero certamente aiutare a far crescere quest’economia e ad estirpare, una volta per tutte, questi tre fardelli. La sfida più grande sarà la creazione di linee di trasmissione per l’Europa. In un primo momento, l’energia elettrica prodotta sarà probabilmente utilizzata a livello locale, ma l’obiettivo dovrebbe comunque essere quello di sostituire le fonti sporche europee, oltre che fornire elettricità a quelle popolazioni che ancora oggi basano la loro piccola economia sul carbone.

Fonte: [Treehugger]

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.