Bracconaggio, volontari LIPU rimuovono trappole nel Bresciano

di Valentina Ierrobino 1

Non solo le proposte per la caccia selvaggia accendono le polemiche e mettono a rischio centinaia di specie animali e l’apertura anticipata della stagione venatoria 2011-2012, ora ci si mette anche il bracconaggio. I volontari LIPU e le guardie giurate zoofile guidate dall’ispettore Piergiorgio Candela nei giorni passati hanno rimosso tagliole, reti ed archetti a Montecampione in Val Camonica e a Colle di San Zeno in Val Trompia, nelle quali erano finite balie nere e pettirossi, destinati a divenire spiedi nei ristoranti.

Come spiega la LIPU

Le prede dei bracconieri sono destinate a gestori di trattorie per la preparazione di spiedi illegali; un’attività diffusa nel Bresciano come dimostra il sequestro operato nei giorni scorsi dai forestali del NIPAF di Brescia in un ristorante di Bagnolo Mella, a pochi km da Brescia; dove i titolari si affrettavano a praticare l’uccellagione prima dell’arrivo degli agenti del Corpo Forestale del NOA, previsto nelle prossime settimane.

[Fonte: LIPU]

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.