La distruzione delle torbiere in Indonesia potrebbe affossare definitivamente tutti gli sforzi per ridurre le emissioni

di Paola P. Commenta

Le torbiere, specialmente quelle nelle regioni tropicali, recuperano enormi quantità di carbonio organico. Le attività umane stanno avendo un notevole impatto su queste zone umide. Per esempio, i progetti di risanamento, in combinazione con gli effetti della siccità periodica, possono portare ad incendi su vasta scala, che liberano enormi quantità di anidride carbonica (CO2) nell’atmosfera, contribuendo così al riscaldamento globale.

Utilizzando misurazioni laser, il professor Florian Siegert e il suo gruppo di ricerca presso la Ludwig-Maximilians-Universität (LMU) di Monaco di Baviera hanno valutato la quantità di torba bruciata in tali incendi con una precisione senza precedenti. I nuovi dati indicano che, nel 2006, gli incendi delle torbiere in Indonesia hanno rilasciato fino a circa 900 milioni di tonnellate di CO2. Questo è più che la quantità totale di CO2 emessa in tutta la Germania nello stesso anno, e rappresenta circa il 16% delle emissioni in tutto il mondo associate alla deforestazione.

Il nostro lavoro sottolinea il ruolo decisivo svolto del mettere in pericolo gli ecosistemi delle zone umide tropicali nel contesto del riscaldamento globale. Lo studio fornisce anche dati importanti per la prossima Conferenza mondiale sul clima di Copenaghen. Uno degli obiettivi di tale incontro è quello di raggiungere un accordo su come gli incentivi finanziari e gli altri aiuti possono essere impiegati per la protezione delle zone umide tropicali, e così contribuire a preservare la loro enorme capacità per lo stoccaggio del carbonio.

Nel corso di milioni di anni, materiale vegetale può essersi convertito in carbone. Il primo passo in questo processo porta alla formazione della torba, un materiale organico che è combustibile e viene raccolto per il riscaldamento in molte parti d’Europa. Come una forma condensata di massa vegetale, la torba è anche una forma importante di stoccaggio del carbonio in superficie.

Si stima che, nei tropici, le paludi di torba coprono una superficie di 30-45 milioni di ettari. Ciò corrisponde a circa il 10% della superficie totale delle torbiere nel mondo, e significa che le torbiere tropicali rappresentano uno dei più grandi siti di stoccaggio in prossimità della superficie per il carbonio organico che abbiamo

dice il professor Siegert. Quasi la metà di questo bacino si trova in un solo Paese, l’Indonesia. Molte delle torbiere costiere del Borneo si sono formate più di 20.000 anni fa. Da quel momento cupole convesse di torba, fino a 20 metri di spessore, si sono sviluppate. Esse hanno una grande capacità di stoccaggio di carbonio. Infatti, l’importo totale di carbonio bloccato nel torbiere della sola Indonesia si stia sia più di 50 gigatonnellate.

Tuttavia, queste zone sono in imminente pericolo. Lasciate allo stato naturale, sono semplicemente troppo bagnate per bruciare. Ma le misure di drenaggio e la deforestazione disturbano il loro equilibrio ecologico e le rendono vulnerabili al fuoco, che è quasi sempre causato dalle attività umane. Le imprese private, spesso sfruttano gli incendi per preparare il terreno per la creazione di grandi piantagioni di enorme scala per la produzione di pasta di legno e olio di palma.

Gli incendi, comunque, sono doppiamente pericolosi. Il fumo che producono contiene enormi quantità di aerosol e di gas tossici, che possono portare a gravi problemi di salute in molte aree del Sud-Est asiatico. Inoltre, il suolo legato al carbonio organico viene trasformato in anidride carbonica. I problemi sono ulteriormente aggravati dal fatto che il profilo climatico ha indotto i periodi di aridità ad aumentare la combustibilità della torba. Per esempio, durante la siccità associata al fenomeno El Niño nel 1997/98, fino a 2,57 gigatonnellate di carbonio sono state rilasciate nella sola Indonesia. Le stime variano notevolmente, spiega Siegert, ma si presume che il carbonio emesso sia pari ad almeno il 13% e, forse, fino al 40% delle emissioni totali di carbonio attribuibili alla combustione di fonti energetiche fossili.

Un’altra bella gatta da pelare al prossimo congresso di Copenaghen.

Fonte: [Sciencedaily]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.