Ecologia, dopo la sindrome Nimby arriva Nimto: ‘non nel mio mandato’

di Valentina Ierrobino Commenta

dibattito sindrome nimto

Come abbiamo visto, la sindrome Nimby colpisce molti italiani e cittadini dell’Unione europea, senza fare distinzioni tra sesso ed età. Tuttavia è possibile andare avanti con la costruzione di opere di interesse pubblico senza danneggiare l’ambiente e la sensibilità degli abitanti. Come? Costruendo secondo criteri di ecocompatibilità e trasparenza e mettendo in atto quello che in Francia è chiamato “dèbat public” ossia dibattito pubblico in cui la chiarezza e il coinvolgimento dei cittadini da parte dei governi è continuo e trasparente.

Come spiega Alessandro Beulcke, presidente dell’Agenzia di Ricerche Informazione e Società che promuove l’Osservatorio Nimby Forum, la mancanza di dialogo tra parti e di fiducia, genera

Una confusione crescente e una difficoltà maggiore a far entrare capitali in Italia, con multinazionali che stanno andando via a causa delle difficoltà a investire in realizzazioni sul territorio italiano. Speriamo di poter registrare, l’anno prossimo, un’inversione di tendenza, magari con procedimenti legislativi da parte del nuovo governo, e che il dèbat public, di cui si parla molto, possa essere concretamente inserito in Italia come procedura reale.

La preoccupazione per l’impatto ambientale non deve essere eliminata, anzi è essa è fondamentali affinché i governi vadano nella direzione di un progresso ecologico e sostenibile, ma allo stesso tempo bisogna avere una maggiore informazione su quelli che possono essere i reali rischi per la salute e l’ambiente. Esistono delle leggi che tutelano in tal senso, devono solo essere messe in atto con la maggiore trasparenza possibile e devono essere strumento di sicurezza e chiarimento per i cittadini. Attualmente la sindrome Nimby sta colpendo anche il mondo della politica e si inizia a parlare di sindrome Nimto, dall’acronimo Not In My Turn of Office, ossia “Non nel mio mandato” che forse è solo un modo per rimandare la costruzione di opere pubbliche durante il proprio mandato per evitare proteste e ottenere favori. Il classico “scarica barile” italiano, insomma.

[Fonte: Adnkronos]

[Photo Credit | Thinkstock]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>