Le ipotesi degli scienziati sul riscaldamento globale potrebbero essere sbagliate

di Redazione 1

Cinquantacinque milioni di anni fa, il mondo era un luogo molto più caldo di oggi. I poli erano privi di ghiaccio tutto l’anno. Le palme crescevano in Alaska. Le foreste abbondavano nel Circolo Polare Artico. Lì, paludi come quelle di oggi nel sud-est degli Stati Uniti, ospitavano alligatori, serpenti e tartarughe giganti.

Gli scienziati chiamano questo periodo della storia “Eocene“, l’alba dell’era dei mammiferi. E i climatologi hanno naturalmente mostrato un vivo interesse per come esso è cominciato. Sanno che un picco drammatico di anidride carbonica associata a rapidi cambiamenti climatici ha dato il via all’epoca, chiamata Paleocene, o “Eocene Thermal Maximum” (PETM). Ma ciò che gli scienziati non capiscono sulla PETM può spiegare dove il clima mondiale sta finendo oggi.

Finora, gli scienziati sono stati in grado di riprodurre il PETM in un modello climatico. Al fine di ottenere il clima che loro sospettavano ci fosse all’epoca, essi hanno portato la quantità di anidride carbonica ben oltre quello che pensano sia accaduto effettivamente. Ma mancava ancora qualcosa, e quel qualcosa può essere la chiave per comprendere ciò che accade dopo un aumento di CO2 nell’atmosfera al di là di una soglia di sopportazione.

Ad un certo punto, l’aumento di CO2 può far scattare qualcosa che riscalda ulteriormente il clima. In altre parole, possiamo avere significativamente sottovalutato gli effetti della CO2 rilasciata nell’atmosfera. Se l’Eocene è un’indicazione, il mondo può probabilmente riscaldarsi di più di quanto sospettato.

Un nuovo studio sulla rivista Nature fa un pòì di luce nel mistero. Poco prima della PETM, i livelli di CO2 erano già gradualmente aumentati. Poi, in un istante geologico (qualche migliaio di anni), la temperatura media globale è aumentata di circa 7 gradi C. Dalle firme chimiche presenti nei sedimenti dell’oceano, gli scienziati hanno dedotto che l’anidride carbonica aumentò di circa il 70% durante il PETM. Ma quando hanno provato a riprodurla nel loro modello climatico, sono riusciti a produrre solo la metà del riscaldamento che sanno che si è verificato. Jerry Dickens della Rice University di Houston, coautore dello studio, afferma tre possibili spiegazioni:

1. Gli scienziati non hanno la capacità di aumentare la CO2 quanto vogliono, ma in realtà essa al momento è superiore a quello che si stima;

2. La sensibilità del clima all’aumento di CO2 non è lineare. Forse quando prevalgono determinate condizioni, non c’è più il riscaldamento dovuto al carbonio di quanto si stima;

3. Esistono ulteriori feedback all’aumento della CO2 associata al riscaldamento, ma gli scienziati non li hanno ancora scoperti.

Gli autori propendono verso la spiegazione numero 3. Una possibilità spesso discussa riguarda gli idrati di metano. Il metano è un potente gas a effetto serra, 20 volte più potente della CO2. Il metano ghiacciato si forma naturalmente nei sedimenti del fondo marino, per lo più come un sottoprodotto dell’attività microbica. Una combinazione di profonda pressione tra freddo e mare lo mantiene in forma solida. Ma se gli oceani si riscaldassero oltre una certa soglia, quelli idrati potrebbero fondersi, rilasciando carbonio immagazzinato nell’acqua e, infine, nell’atmosfera. In questo caso gli effetti sono incalcolabili.

Fonte: [csmonitor]

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.