Metano abiotico, cos’è, come si genera e perché è importante

di Redazione 1

Il metano abiotico è ora sotto ai riflettori dopo la scoperta da parte di un ricercatore di Ingv  della presenza del gas anche in Italia, vicino Genova, oltre che in Portogallo, Grecia e Turchia. Vediamo allora cos’è il metano abiotico, come si genera e perché è importante.

Il metano normalmente utilizzato per scopi commerciali è detto biotico poiché generato per opera di microrganismi o temperatura a partire da materiale biologico. Tuttavia sulla Terra esiste anche il meno noto metano abiotico. Cos’è il metano abiotico? È un gas che si forma a partire da rocce ignee presenti sotto la crosta terrestre. In piccole quantità si rileva in esalazioni vulcaniche e sistemi idrotermali entro reazioni inorganiche sopra i 200 gradi centigradi, tuttavia si parla di poche parti per milione e di conseguenza di reazioni che non possono essere considerate in alcun modo sotto un punto di vista commerciale.

Se tali rocce ignee, tuttavia, raggiungono la superficie in seguito a movimenti tettonici, come spiega l’INGV, possono generare metano abiotico a seguito del contatto tra queste e l’acqua piovana, entro un processo noto come serpentinizzazione. In questi casi l’idrogeno combinato con l’anidride carbonica genera il metano abiotico (in genere in presenza di catalizzatori metallici), seguendo la reazione di Sabatier: CO2 + 4H2 = CH4 + 2H2O.

Come il ricercatore dell’INGV Giuseppe Etiope ha avuto modo di spiegare in seguito al ritrovamento di tale metano abiotico nei pressi di Genova, la scoperta della diffusione del metano abiotico è importante per vari motivi. Anzitutto ora occorrerà capire se giacimenti di questo gas possano essere, o meno, utilizzati per scopi commerciali, ma oltre a questo si aprono spiragli molto interessanti sul tema della generazione di tale gas su altri pianeti, in primis Marte, dove rocce serpentinizzate sono state effettivamente scoperte, e sull’origine della vita stessa. Difatti, come ha spiegato Etiope

la reazione di Sabatier è uno dei tasselli fondamentali per l’origine della vita; la reazione che parte dalla CO2 e produce CH4 rappresenta il passaggio dalla chimica inorganica a quella organica; diversi scienziati della NASA ritengono infatti che la serpentinizzazione sia alla base dell’origine della vita sulla Terra. Il fatto che questo passaggio, da chimica inorganica a organica, possa avvenire a basse temperature suggerisce che l’origine della vita non è legata necessariamente a sistemi idrotermali, come ipotizzato nelle teorie della NASA. Il metano prodotto a basse temperature, anche sui continenti, può avere innescato il ciclo organico alimentando i primi batteri.

Photo credits | Masazaku Matsumoto

Commenti (1)

  1. I am actually thankful to the holder of this web site who
    has shared this enormous paragraph at here.

    my homepage ig

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.