Dove finisce la plastica? In mare, naturalmente…

di Paola P. 1

Se solo ci fermassimo a pensare un istante a quanti oggetti abbiamo a portata di mano, nella stanza, nella casa in cui ci troviamo, realizzati con la plastica, e facciamo una rapida proporzione con il numero della popolazione umana ci renderemo ben presto conto che si tratta di cifre enormi. Ma dove va a finire tutta la plastica usata e non riciclata? E che posto occupa questo materiale nella lista degli inquinanti?

Presto detto. A rispondere ai nostri quesiti ci hanno pensato i ricercatori del College di Farmacia dell’università Nihon a Chiba, con uno studio coordinato da Katsuhiko Saido e presentato in questi giorni nel corso del 238/imo Meeting and Exposition della American Chemical Society a Washington. Secondo i dati raccolti dagli studiosi, la plastica che finisce sulle spiagge, a causa dell’inciviltà di alcuni (molti) turisti, o per mano di smaltitori illegali di rifiuti, è tutt’altro che indistruttibile e non biodegradabile.

Questo è infatti il pensiero comune. Che una bottiglia o un sacchetto di plastica abbandonati sulla riva o gettati nelle acque restino lì, come sassi, inalterati per anni e anni. Non la pensa così Katsuhiko Saido, che ha dimostrato come materiali quali il polistirene iniziano a decomporsi già dopo un anno:

Abbiamo scoperto che la plastica che arriva negli oceani in realtà si decompone in quanto è esposta a pioggia, sole e altre condizioni ambientali, dando origine a un’altra sorgente di contaminazione globale che continuerà ad affliggerci in futuro.

In breve, la plastica si scioglie negli oceani e rilascia sostanze tossiche, prima tra tutte il pericolosissimo per la salute umana bisfenolo A (BPA), che avvelenano le acque e compromettono gravemente gli ecosistemi e gli equilibri della flora e della fauna marine. Pensate che ogni chilometro quadrato di oceano porta a galla oltre 13.000 pezzi di immondizia di plastica, che sono tremendamente nocivi per i pesci che le assorbono.

[Fonte: Ansa]

Commenti (1)

  1. You keep it up now, untsderand? Really good to know.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.