Al festival di Berlino il porno è verde, regia di Isabella Rossellini

di Sara Muscogiuri 1

Anche il porno è diventato verde, e grazie alla performance di una grandissima interprete, per l’occasione anche regista. O, meglio, è il verde che è diventato porno, sotto la direzione di Isabella Rossellini che ha firmato, insieme a Jody Shapiro, Green Porno, una serie di cortometraggi dedicati alla riproduzione di vermi ed insetti.

All’interno della Filmhaus stessa, nell’ambito del Berlinale, tre terrari immensi accoglievano i visitatori. Attraverso dei vetri giganti il pubblico aveva la possibilità di trovarsi direttamente immerso nel mondo riproduttivo degli insetti, a metà tra film ed arte.


I corti, la cui durata è di 5 minuti circa, sono destinati ad essere trasmessi su telefonini…un formato insolito per il porno! L’attrice interpreta 8 diversi ruoli, dalla lumaca all’ape, passando per il ragno.

Come performance l’iniziativa è sicuramente originale, ma non riesco tanto ad intravederne uno scopo, o un messaggio da trasmettere per un mondo più verde. Nè mi sembrano tanto porno, o particolarmente verdi, se non nel fatto che riprendono comportamenti naturali del mondo animale.

Sono sempre stata affascinata dall’infinito, strano e scandaloso modo in cui copulano gli insetti

, ha affermato l’autrice, regista, attrice e performer isabella Rossellini, già nota per il suo impegno verso la tutela degli animali e la salvaguardia dell’ambiente. Isabella Rossellini è infatti consigliere del Wildlife Conservation Network e direttrice della Howard Gilman Foundation. Per il suo impegno ha anche ottenuto un premio ed un finanziamento dalla Disney..

Cliccando qui trovate alcune foto dell’iniziativa, mentre a questo link potete vedere uno spezzone di Green Porno.

via | Treehugger

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.