Ecomafia, un business che non conosce crisi: in Italia 78 reati al giorno

di Redazione 4

Oggi è l’Ecomafia day, la giornata promossa da Legambiente per accendere i riflettori sulla criminalità ambientale in Italia. Ecocrimini che si consumano quotidianamente nel nostro Paese ad una velocità inarrestabile e con una frequenza impressionante: secondo il rapporto diffuso proprio oggi a Roma dalla nota associazione ambientalista sul nostro territorio si contano 78 reati al giorno, più di tre all’ora. Rifiuti, cemento depotenziato, reati contro la fauna e contro l’ambiente marino. Per un giro d’affari, fatturato in nero, stimato in 20,5 miliardi di euro.

Il triste primato va alla Campania, la regione dove si verificano più infrazioni, 4874 pari al 17% del totale. Segue il Lazio che soprattutto nell’area del sud Pontino, a causa delle infiltrazioni di clan, commette un gran numero di infrazioni nel mercato del cemento. A ruota Calabria, Puglia e Sicilia. In Calabria sono numerosi gli edifici costruiti con cemento depotenziato, tra i quali si annoverano anche scuole, strade, ospedali. Al nord, anche quest’anno, è la Liguria la regione con il più alto numero di eco-reati: 1231.
Vittorio Cogliati Dezza, presidente di Legambiente, ha commentato gli sconfortanti dati del rapporto ecomafia 2010, spiegando che

l’ecomafia si conferma una holding solida e potente che minaccia gravemente il futuro del Paese sottraendo risorse preziose all’economia legale.

Il rapporto Ecomafia 2010 è stato realizzato grazie alla collaborazione di tutte le Forze dell’ordine e di Polizia giudiziaria, impegnate nella salvaguardia ambientale: dal Comando tutela ambiente e tutela patrimonio culturale dei Carabinieri al Corpo forestale dello Stato alla Polizia di Stato alla Direzione investigativa Antimafia. Ma vediamo alcune delle principali cifre diffuse dal rapporto:
Rifiuti: impennata nelle infrazioni, dalle 3.911 dello scorso anno alle 5.217 di quest’anno.
Reati contro la fauna: in vertiginoso aumento, + 58%.
Ciclo del cemento: in lieve calo, passano da 7.499 a 7.463.
Racket degli animali: (dati della Lav): business di 3 miliardi di euro.
Agricoltura: 150 ecocrimini al giorno per un fatturato di 50 miliardi di euro all’anno.
Arresti: + 43%.
Illeciti accertati: 28.576.
Denunce: + 33,4%, da 21.336 persone a 28.472.
Sequestri: +11%, da 9.676 a 10.737.

Nel corso dell’Ecomafia day, dopo l’apertura dei lavori in mattinata alla presenza tra gli altri del ministro dell’Ambiente Stefania Prestigiacomo e del ministro della Giustizia Angelino Alfano, due i seminari di approfondimento previsti oggi a Roma, al Nuovo Cinema Aquila, in via Aquila, 68:

  • Alle ore 15:30 un work-shop sul ciclo illegale dei rifiuti, seguito da Il ciclo illegale del cemento. Alle 18 aperitivo con i prodotti di Libera Terra.
  • Alle 18:30 la rassegna Cinema e narrativa no-Ecomafia, con la proiezione di varie pellicole e la riduzione teatrale de Il giorno della civetta, tratto dall’omonimo romanzo di Sciascia.
  • Dopo la mezzanotte festa della legalità con dj e degustazioni.

Qui il programma completo.

Commenti (4)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.