Rapporto Ecomafie 2013, l’Abruzzo scende nella classifica dei reati ambientali

di Valentina Ierrobino 30

Dopo lo scandalo per la ricostruzione del centro storico de L’Aquila e delle città dell’Abruzzo distrutte dal terremoto del 2009, la Regione scende dal decimo al quattordicesimo posto nella classifica dei reati ambientali stilata nel Rapporto Ecomafie 2013 di Legambiente. Nella regione Abruzzo nel 2012 sono scesi i reati del 22% con diminuzione dei reati contro la fauna e nei cicli dei rifiuti e del cemento, ma di contro sono aumentati gli incendi. Vediamo in dettaglio le cifre del Rapporto Ecomafie 2013.
Nel 2011 e nel 2012 in Italia sono stati scoperti 34mila reati contro l’ambiente, di cui in Abruzzo 1054 nel 2011 e 822 nel 2012. Dunque la Regione diminuisce del 22% i suoi reati ambientali, ma negli ultimi 2 anni ha visto aumentare gli incendi del 62%. Se nel 2010 erano 85 gli incendi dolosi, colposi e generici, 2011 sono stati 119 (+40%) e lo scorso anno 138 (+15%). Sono scesi tuttavia i reati contro la fauna, passando da 151 infrazioni accertate nel 2012, a fronte di 259 reati scoperti nel 2011. Anche nel ciclo del cemento e dello smaltimento dei rifiuti vi sono segnali di miglioramento per la regione Abruzzo: nel 2011 erano stati accertati 253 reati riguardanti il ciclo del cemento, lo scorso anno ne sono stati scoperti 165. Nel ciclo dei rifiuti il dato è sceso da 233 reati nel 2011 a 203 nel 2012. Come spiega Luzio Nelli, segretario regionale di Legambiente Abruzzo

I segnali nell’insieme sono positivi e l’Abruzzo deve stringere sempre più un vero patto per l’ambiente e la legalità, al fine di contrastare l’unica economia che continua a proliferare anche in un contesto di crisi generale.

Ha poi aggiunto Nelli

La situazione nazionale impone l’adozione di un pacchetto di misure indispensabili per contrastare in maniera più efficace la minaccia rappresentata dai fenomeni di criminalità ambientale che avvelenano il nostro paese e la nostra regione. la politica, in tal senso, ha il dovere di supportare gli sforzi e i successi delle forze dell’ordine e della magistratura. che troppo spesso appaiono all’opinione pubblica isolate nella lotta alla criminalità.

[Fonte e foto: Legambiente]

Commenti (30)

  1. Non pagheranno gli abruzzesi ma tutti gli italiani
    http://tv.agoravox.it/Non-pagheranno-gli-abruzzesi-ma.html

  2. Tip top stffu. I’ll expect more now.

  3. I secahred a bunch of sites and this was the best.

  4. No quesiton this is the place to get this info, thanks y’all.

  5. If your arectlis are always this helpful, “I’ll be back.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.