Emergenza rifiuti a Roma, per Clini è colpa della politica e della malavita

di Redazione 2

L’emergenza rifiuti a Roma non ci sarebbe stata se a gestire la raccolta differenziata ci fossero state persone competenti e non ci si fosse infiltrata la solita malavita organizzata. Musica e parole del Ministro dell’Ambiente Corrado Clini che ieri mattina ha letteralmente bacchettato la dirigenza capitolina, rea di aver gestito nel peggiore dei modi tutto il discorso dei rifiuti.

Mentre molte città d’Italia e d’Europa superano il 70% di raccolta differenziata e molte puntano al 100%, secondo Clini è una vergogna che la Capitale, che dovrebbe dare l’esempio, possa superare a malapena il 20%. Numeri da Terzo Mondo che spiegano come mai si è creato tutto il disagio in seguito alla vicenda della discarica di Malagrotta. Una discarica che oltre a far imbestialire le popolazioni che vivono nelle vicinanze, a quanto pare non è nemmeno sufficiente a gestire l’emergenza.

Secondo il Ministro dell’Ambiente la colpa è dell’Ama e di chi sta capo delle istituzioni romane in quanto, testualmente, si sarebbero “inventati” l’emergenza rifiuti soltanto per avere i soldi per trovare un’altra discarica. Soldi che sono già finiti e la discarica, ovviamente, ancora non c’è. Tipica situazione italiana. Il problema è che non bisogna spendere tempo e pazienza (specialmente quella della popolazione) per creare discariche, ma per imbastire un sistema di raccolta differenziata secondo la legge.

Ovviamente come accade sempre in questi casi, l’Ama, la municipalizzata che si occupa della gestione dei rifiuti, non crede che la situazione sia così tragica. E’ vero che attualmente la differenziata a Roma è arrivata al 25,6%, non un numero altissimo, ma è vero anche che negli ultimi 5 anni gli sforzi fatti hanno portato dei risultati visto che nel 2007 si attestava solo al 17%. Secondo Clini, con le misure giuste, entro due anni la Capitale dovrebbe riallinearsi agli standard europei, ma nel frattempo pagherà una multa, insieme a tutte le altre città che non raggiungono il 65% di raccolta differenziata.

[Fonte: Repubblica]

Photo Credits | Getty Images

Commenti (2)

  1. Wow that was unusual. I just wrote an very long comment but after I clicked
    submit my comment didn’t appear. Grrrr… well I’m not writing all that over again. Regardless,
    just wanted to say fantastic blog!

    my web site – ig

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.