Fotovoltaico sul tetto, in leasing a basso costo negli USA con Google

di Matteo Carriero Commenta

Una notizia estremamente interessante per il fotovoltaico sul tetto giunge dagli USA, da Google e SunPower: il progetto di Big G è innovativo, remunerativo, ecologico e intelligente. Come funziona? Google e SunPower acquistano pannelli solari e in leasing li offrono alle famiglie americane, che possono vederseli installare sul tetto pagando una quota mensile inferiore a quella che in media pagano per la bolletta elettrica.

Google si lancia nel campo del fotovoltaico su tetto con leasing a basso costo negli Stati Uniti, e come suo solito non manca di apportare innovazioni. Come anticipato grazie alla collaborazione con SunPower Google fornirà ai clienti residenziali interessati i pannelli, che una volta installati copriranno il fabbisogno energetico dell’abitazione e i proprietari pagheranno periodicamente un costo in genere più basso rispetto a quello della loro normale bolletta dell’elettricità. In questo modo, leggiamo sul Google Blog UK, gli interessati non solo aiuteranno a salvaguardare l’ambiente utilizzando fonti di energia rinnovabile, ma potranno anche risparmiare soldi.

Della fornitura dei pannelli solari per il fotovoltaico sul tetto se ne occuperà SunPower: il progetto decollerà oppure no? Stando alle prime reazioni, sembra che potrebbe funzionare: hanno già aderito al progetto appena pubblicizzato ben 20 mila famiglie. Il capo di Google Corporate Finance Kojo Ako-Asare ha dichiarato al riguardo:

Siamo felici di collaborare con SunPower per rendere l’energia solare più accessibile ai proprietari di casa, offrendo in questo modo alle famiglie un modo più efficace per ridurre la loro impronta di carbonio. La nostra partnership con SunPower rappresenta una buona opportunità in termini di business e supporta al contempo i nostri obiettivi per un futuro basato sull’energia pulita.

Google precisa inoltre che i pannelli SunPower per il solare residenziale sono noti per la loro alta qualità e affidabilità e per il fatto che posso produrre fino al 50% in più di energia per unità (rispetto ad altri) con performance garantite e degrado nel corso del tempo assai contenuto. Google ci ha tenuto inoltre a precisare che con questo giunge al 16mo grande investimento nelle fonti di energia rinnovabile, per un totale di circa 1 miliardo di dollari investiti.

Come è facile immaginare, anche SunPower ha espresso grande soddisfazione per l’accordo e l’iniziativa che porterà avanti in collaborazione con Google. Il CFO Chuck Boynton ha infatti dichiarato che l’azienda è a propria volta lieta di collaborare con il colosso del web “per contribuire a rendere l’energia solare accessibile a tante famiglie e consentire loro in tal modo di prendere in mano la gestione dei propri consumi energetici”, aggiungendo che Google e iniziative come questa aiuteranno a far diventerà l’energia solare “mainstream”.

Ovviamente per il gigante del world wide web si tratta, come giustamente ed esplicitamente dichiarato dal Google Corporate Finance Kojo Ako-Asare, non solo di un’iniziativa finalizzata alla realizzazione di un futuro maggiormente ecosostenibile, ma anche di un investimento interessante sotto il profilo affaristico. Ma certo è che progetti come quello di Google per il fotovoltaico sul tetto in leasing a basso costo, non possono che suscitare grande interesse dai soggetti attenti all’ambiente di tutto il mondo.

Photo Credits | Magnet 4 Marketing dot Net su Flickr

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.