Nonostante gli sforzi, i gas serra continuano ad aumentare

di Redazione 2

Nonostante un decennio di sforzi a livello mondiale per ridurre le sue immissioni nell’atmosfera, la NOAA e gli scienziati universitari hanno misurato un aumento delle emissioni di gas a effetto serra che è migliaia di volte più efficace per catturare il calore rispetto al biossido di carbonio e persiste nell’atmosfera per circa 300 anni. La sostanza HFC-23, o trifluorometano, è un sottoprodotto della clorodifluorometano, o HCFC-22, un refrigerante contenuto nei condizionatori d’aria e frigoriferi e materiale di partenza per la produzione di calore e di prodotti chimico-resistenti, come cavi e rivestimenti.

Senza gli sforzi internazionali per ridurre le emissioni di HFC-23, le sue emissioni nell’atmosfera, e l’abbondanza, sarebbero state ancora maggiori negli ultimi anni, come è stato con le emissioni nel 2006-2008, di circa il 50% superiore alla media 1990-2000

ha spiegato Stephen Montzka, ricercatore chimico alla NOAA e autore principale dello studio.

L’HFC-23 è uno dei più potenti gas serra emessi in conseguenza delle attività umane. Su un intervallo di tempo di 100 anni, una tonnellata di HFC-23 rilasciata in atmosfera intrappola calore 14.800 volte più efficacemente di una tonnellata di anidride carbonica. Fino ad oggi, l’emissione totale accumulata dall’HFC-23 è poca rispetto agli altri gas serra, rendendo questo gas un minore (meno dell’1%) contributore ai cambiamenti climatici attuali.

Poiché l’HFC-23 è un potente gas a effetto serra, la Convenzione delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (UNFCCC), ha facilitato la distruzione di ingenti quantitativi di HFC-23 nei Paesi in via di sviluppo a partire dal 2003. Lo studio di Montzka e colleghi mostra per la prima volta che anche con queste azioni, le emissioni di HFC-23 provenienti dai Paesi in via di sviluppo sono rimaste consistenti, rispetto agli ultimi anni.

Il protocollo di Montreal, che è l’accordo internazionale sulle sostanze che riducono lo strato di ozono, richiede la fine della produzione dell’HCFC-22 entro il 2020 nei Paesi sviluppati e al 2030 in quelli in via di sviluppo. Il protocollo non limita la produzione di HCFC-22 nella sintesi di fluoropolimeri o di HFC-23, che è co-prodotta. L’abbondanza futura di HFC-23 nell’atmosfera, e il suo contributo al cambiamento climatico, dipenderanno dalla quantità di HCFC-22 prodotta e il successo dei programmi per ridurre le emissioni di HFC-23 co-generato.

Fonte: [Sciencedaily]

Commenti (2)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.