Global Warming, ora si conosce il vero responsabile: l’uomo

di Valentina Ierrobino 1

Sembra essere confermata la certezza che sia l’uomo il maggiore responsabile del Global Warming, il surriscaldamento terrestre che sta alterando il clima e la biodiversità, mettendo in pericolo l’esistenza di animali, piante e dell’uomo stesso. E’ quanto emerge da uno studio effettuato da un gruppo di scienziati, i cui dati saranno pubblicati in modo dettagliato solo nel prossimo rapporto sul clima delle Nazioni Unite.

Se le emissioni inquinanti e il rilascio nell’atmosfera di CO2 e gas serra continueranno con questo ritmo, iniziato a partire dalla seconda Rivoluzione Industriale e aumentato in modo vertiginoso negli ultimi decenni, entro la fine del secolo i livelli dei mari potrebbero aumentare di oltre un metro, causando tutti gli effetti già da tempo ipotizzati da studiosi ed esperti. E la causa di tutto sembra essere proprio l’uomo. E’ questo in sintesi quanto emerge da un recente studio realizzato da un gruppo intergovernativo di oltre cento scienziati che per la prima volta trova la relazione, da sempre sospettata, tra l’attività umana e il Global Warming. Come si legge nella sintesi della relazione del progetto

E’ estremamente probabile che l’influenza umana sul clima ha determinato oltre la metà dell’aumento rilevato della temperatura terrestre media tra il 1951 e il 2010.

Lo studio è tra i più autorevoli in fatto di cambiamenti climatici e di Global Warming, essendo stato realizzato dai massimi esperti del settore che, ricordiamo, nel 2007 hanno vinto il Premio Nobel per la pace, assieme ad Al Gore. Gli scettici, o forse gli ottimisti, cercano di non dare ad esso troppa importanza, in quanto i dati emersi smentiscono gli studi effettuati finora, più rosei e meno allarmanti, ma il rapporto parla chiaro ed è il primo a provare che almeno il 95% delle cause del surriscaldamento terrestre è dovuto alle attività uomane.

[Fonte: The New York Times]

[Photo Credit | Thinkstock]

Commenti (1)

  1. Peccato che…a partire dal 1998, il trend delle temperature medie superficiali del pianeta ha cessato di essere statisticamente significativo. La pendenza della curva, cioè, pur calcolabile e ancora lievemente positiva, rientra nella fascia d’errore della stima.

    Traduciamo per i non addetti:—–>> la temperatura media del pianeta ha SMESSO di aumentare.

    http://www.climatemonitor.it/?p=32709#more-32709

    /——-/

    Fortunatamente molti paesi sono liberi dal protocollo di Kyoto .
    Cosi’ da poter delocalizzare investimenti e competenze con buona pace del gruppo intergovernativo di oltre cento scienziati..

    😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.