Ilva di Taranto, l’Arpa: basta approccio negazionista

di Redazione 3

Ilva di Taranto, l’Arpa Puglia torna a parlare e ad attaccare lo stabilimento siderurgico pugliese. La richiesta principale, inoltrata dal direttore Generale Giorgio Assennato al commissario straordinario dell’Ilva Enrico Bondi, è quella di dire basta, di abbandonare l’approccio negazionista.

Ilva di Taranto: il direttore generale di Arpa Puglia scrive a Enrico Bondi per chiedere una volta per tutte di modificare il proprio approccio, abbandonando il negazionismo relativo ai danni ambientali e quindi ai danni alla salute, che tutti purtroppo conosciamo bene e che non di meno, nonostante il passare del tempo, continua a risultare estremamente irritante, a maggior ragione se si pensa alle famiglie delle vittime dell’inquinamento di Taranto.

Giorgio Assennato risponde a una nota inviata da Bondi alla Regione Puglia. Il motivo del dibattito è semplice: le attuali personalità che dirigono l’Ilva non accettano le valutazioni dell’Arpa sui danni ambientali e alla salute. D’altronde di certo molti ricorderanno le recenti dichiarazioni (poi ritrattate) in cui Enrico Bondi sosteneva che il maggior tasso di certe tipologie di tumori a Taranto è dovuto a maggior disponibilità di alcol e sigarette alcuni decenni fa.

Scrive Giorgio Assennato al commissario straordinario dell’Ilva di Taranto:

Mi auguro che lei comprenda il valore strategico della trasformazione di atti amministrativi in produzione scientifica per affrontare in modo adeguato la complessità dei problemi dell’area tarantina. Tutto ciò è alla base del Centro Ambiente e Salute a Taranto, finalmente attivato dopo mie reiterate richieste, al quale l’azienda Ilva si è sempre rifiutata di aderire, nonostante miei pressanti inviti, come avrebbe dovuto fare seguendo i principi di una moderna responsabilità sociale d’impresa.

Certo che accostare “una moderna responsabilità sociale d’impresa” all’Ilva non è davvero semplice, come purtroppo Assennato e praticamente tutti in Italia sanno bene. C’è ancora tempo e speranza di redimersi per l’Ilva? Non possiamo che augurarcelo.

Photo credits | Getty Images

Commenti (3)

  1. Do you have any video of that? I’d like to find out more details.

    Also visit my web blog ig

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.