Nel cuore del Parco dei Monti Lucretili c’è Orvinio candidato al concorso “I Luoghi del cuore”

di Redazione Commenta

Immerso nel verde, con i Monti Lucretili tutti intorno e diversi sentieri da percorrere a piedi,  troviamo uno dei Borghi più belli d’Italia: Orvinio.

Comune in provincia di Rieti, a 840 metri s.l.m., con 387 abitanti d’inverno e gli oltre tremila d’estate, Orvinio si trova in una posizione panoramica e felice, a metà strada dalle vie Tiburtina e Salaria.

Il nome di Orvinio deriva dall’antica città di Orvinium, fondata dai Siculi durante la loro dominazione pre romana della Sabina. Il centro storico, a cui si accede tramite un grande arco di indubbio fascino, è dominato dal Castello dei Marchesi Malvezzi Campeggi sorto a scopo difensivo già intorno al mille, e ingrandito poi dagli Orsini nel Cinquecento.

La storia di questo piccolo borgo, il suo patrimonio storico ed architettonico, la ricca e folta vegetazione che lo circonda, sono tra le peculiarità che hanno portato Orvinio ad essere candidato al concorso “I Luoghi del cuore”. La campagna nazionale, giunta alla IX edizione, è promossa dal FAI – Fondo Ambiente Italiano in collaborazione con Intesa Sanpaolo.

Fino al 30 novembre si può votare per Orvinio cliccando sul link https://www.fondoambiente.it/luoghi/citta-di-orvinio?ldc, oppure tramite l’app del FAI o nelle filiali del Gruppo Intesa Sanpaolo.

Orvinio regala al visitatore un’atmosfera di relax e un’ottima aria di montagna. In questi giorni di caldo estremo la cosa migliore è godersi una passeggiata nel verde e magari riposare all’ombra di uno dei tanti alberi di castagni e faggi che sono tra i più antichi d’Europa.

Da aprile a giugno in località Pratarelle, piccolo altopiano con vista sui monti Lucretili e i Simbruini, è possibile ammirare il paradiso delle orchidee selvatiche, oltre ad una distesa di cespugli di ginepro, biancospino e varie specie di rose.

Risaltano durante il periodo autunnale le forti colorazioni delle foglie dell’acero d’Ungheria e dell’acero campestre. Un vero monumento naturale è il vetusto cerro di Fonte Schiazzi, con una circonferenza di 5 metri e un’età di 400 anni.

Votare per Orvinio vuol dire preservare questa meraviglia d’Italia, valorizzare e rilanciare la bellezza di questi luoghi, le sue tradizioni, la memoria che custodisce. È un “luogo del cuore” che ha già ha richiamato l’attenzione di numerosi fan di rilievo, come il conduttore televisivo e giornalista Nicola Porro, che su twitter invita a votare per Orvinio, e la Media Agency Data Stampa che reputa questo borgo il “luogo ideale dove potersi ritagliare uno spazio per se stessi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>