Allarme ambientale in Perù per strage di cetacei e uccelli

di Redazione Commenta

Non sono chiare le vicende di quel che sta accadendo in Perù dalla scorsa settimana e rese note solo ora alla stampa estera: una morìa di delfini, pellicani e leoni marini che alle prime analisi sembra non trovare una spiegazione scientifica. I cavaderi degli animali, alcune centinaia per ora, sono stati ritrovati lungo le spiagge di Lima, ma la causa dei decessi ancora non è stata stabilita. Il ministro dell’Ambiente peruviano ha lanciato l’allerta sanitaria vietando alla popolazione di raggiungere le spiagge limitrofe alla capitale e di consumare pesce crudo; mentre l’ente di ricerca Istituto del mare (Imarpe) sta indagando sui decessi.

Una serie di analisi effettuate finora sugli esemplari trovati morti sulle spiegge della aperuviana avrebbe escluso che a causare la morte degli animali sia il Morbillivirus, un virus della famiglia dei Paramyxoviridae, responsabile anche del morbillo e della peste bovina; ma proseguono gli accertamenti. Come ha spiegato il direttore scientifico dell’Imarpe, Raul Castillo Rojas, non ci sono altre ipotesi circa i decessi, quel che è stato accertato è che gli animali avevano un sistema immunitario molto basso.

La direzione generale di salute ambientale del Perù ha lanciato un allerta sanitaria e ha chiesto alla popolazione di non andare sulle spiagge in cui sono stati ritrovati gli animali morti, e di non consumare pesce crudo fino a quando non saranno state individuate le cause della morìa di cetacei e uccelli marini. La notizia come ha ricordato l’ambientalista Heinz Plengue, tuttavia non è nuova, perché già nei mesi di gennaio e di aprile 2012 erano stati ritrovati sulle coste settentrionali del Perà 877 delfini morti, circa il 95% della specie Tursiops truncatus,  la più comune tra i mammiferi marini. E ora la vicenda si ripete, coinvolgendo anche una decina di leoni marini e oltre 200 pellicani.

[Fonte: Ansa]

[Photo Credit | Thinkstock]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.