Ecologia, i delfinari Ue vanno chiusi

di Redazione 2

A pochi giorni dal rapporto sui giardini zoologici europei della Born Free Foundation, arriva il dossier sui delfinari presenti in 14 Paesi dell’Unione, e la situazione non è migliore. Sono 34 le strutture commerciali che ospitano delfini in Europa e, secondo lo studio condotto dalla Società per la conservazione di balene e delfini (Whale and Dolphin Conservation Society-WDCS) in collaborazione con la Born Free Foundation, andrebbero tutti chiusi, come spiega Chris Butler-Stroud, amministratore delegato di WDCS

Il difetto fondamentale è che i delfinari vengono gestiti principalmente come un’impresa commerciale, nella quale i delfini e le balene sono semplicemente mezzi commerciali.

E non vengono dunque rispettate norme igienico-sanitarie adeguate, né obblighi legali o morali nei confronti dei mammiferi marini. Secondo l’esperto balene e delfini “non sono adatti per la vita in cattività e agli spettacoli”. A dimostrare le sue parole ci sono i numeri della mortalità degli esemplari che vivono nei delfinari, più elevata di quella in natura. Il suo appello e quello delle associazioni interessate è di “eliminare una volta per tutte queste imprese commerciali”.

Nelle 34 strutture collocate in Belgio, Spagna, Bulgaria, Italia, Danimarca, Svezia, Finlandia, Malta, Francia, Olanda, Grecia, Lituania, Portogallo e Germania; si trovano 286 cetacei di sei specie diverse: orche, beluga o balene bianche, focene, grampo o delfino di Risso, e Inia geoffrensis; ma solo un delfinario è regolamentato come zoo e deve quindi, per legge, garantire la conservazione degli animali, la ricerca e le attività educative per la tutela delle specie. Tutte le altre strutture, sottolinea Butler-Stroud “danno un contributo insignificante per la conservazione della biodiversità”, si fa inoltre uso di musica ad alto volume, si effettuano figure e giochi del tutto innaturali. Alcune delle strutture offrono ai visitatori anche programmi di nuoto con i delfini, possibilità di avvicinamento e terapie con i cetacei, aspetti del tutto pericolosi per l’uomo e anche per l’animale per l’elevato rischio di malattie e di infortuni.

[Fonte: Ansa]

[Photo Credit | Thinkstock]

Commenti (2)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.