leonardo.it

Piazza del Popolo, “da museo a discarica a cielo aperto”

 
Valentina Ierrobino
29 marzo 2011
Commenta

Non si placano le polemiche per il compattatore messo dall’Ama in Piazza del Popolo.  Il grosso tir deturpa il paesaggio e rende meno fruibile una delle piazze di più belle di Roma

E’ solo una presenza provvisoria. Una soluzione temporanea trovata per effettuare il servizio di raccolta nel Centro Storico monumentale.

Eppure tutisti e cittadini lamentano il cattivo odore e il rumore del compattatore che, tutti i pomeriggi, dal lunedì al sabato entra in funzione per compattare carta e cartone provenienti dai mezzi più piccoli della raccolta differenziata. L’Ama ha adottato questo mezzo per evitare che i cartoni e la carta venissero accatastati davanti ai negozi ma anche questo rimedio per differenziare i rifiuti, aveva ricevuto le sue critiche. Meglio un compattatore in Piazza del Popolo o piccoli cumuli di spazzatura davanti alle vetrine dello shopping? La soluzione non c’è, o almeno ci sono molte critiche e polemiche ma non si è pensato a risolvere il problema. Se il senatore del Pd Raffaele Ranucci lamenta che

Roma non può essere trasformata da museo a cielo aperto a discarica a cielo aperto

il consigliere comunale Pd Paolo Masini dichiara

Ma se simili operazioni tecniche sono necessarie, vanno fatte proprio a Piazza del Popolo? Non c’è un latro luogo più nascosto e meno turistico?

il vicepresidente della Commissione Ambiente Athos De Luca rincara la dose

L’impatto ambientale è forte, fra rumore, scversamento di rifiuti, di liquami, un forte cattivo odore e inquinamento dell’aria. Non ci vuole molto per capire che certe operazioni sono incompatibili con il centro.

Non ha tardato ad arrivare la replica dell’Assessore all’Ambiente di Roma Capitale, Marco Visconti

Per Piazza del Popolo ho sentito anche i dirigenti Ama in servizio da anni. Purtroppo è un problema che c’è sempre stato e che c’è anche in altre città. Forse è ora di cambiare orari. Si può sempre migliorare, ma sono finiti i tempi in cui venerdì, sabato e domenica si gettava l’immondizia e poi lunedì se ne trovavano i cumuli fuori dai cassonetti.

Raccolta differenzia carta

Rinnovo parco cassonetti a Roma

[Fonte: Il Corriere della Sera]

[Foto: novadomushotel-rome]

Articoli Correlati
YARPP
Rifiuti Roma, doppia manifestazione a Monti dell’Ortaccio contro discarica

Rifiuti Roma, doppia manifestazione a Monti dell’Ortaccio contro discarica

Se i siti di Corcolle, a pochi km da Villa Adriana, e di Riano sono salvi dall’ipotesi discarica di Roma, non lo è l’area di Monti dell’Ortaccio dove questa mattina […]

Aspettando BioDomenica: anteprima il 2 ottobre in piazza

Aspettando BioDomenica: anteprima il 2 ottobre in piazza

Torna l’annuale appuntamento con BioDomenica, la manifestazione dedicata all’agricoltura biologica e al consumo di prodotti freschi, genuini e a km zero. L’evento, organizzato dall’Associazione Italiana per l’Agricoltura Biologica (AIAB), da […]

Tanzania, apre il primo museo di storia dell’uomo all’aperto

Tanzania, apre il primo museo di storia dell’uomo all’aperto

La Tanzania ospiterà il primo museo di Storia dell’uomo in un ambiente reale. Ad annunciarlo è stato il presidente Jakaya Kikewete durante la cerimonia di inaugurazione di una mostra dedicata […]

Biodomenica, in piazza contro gli sprechi

Biodomenica, in piazza contro gli sprechi

Gli italiani si stanno adeguando allo stile di vita Occidentale che prevede molti sprechi, specie per quanto riguarda l’alimentazione. Per questo Coldiretti ha indetto per oggi, domenica 3 ottobre, la […]

Museo Nazionale cinese di Ningbo, il primo museo letteralmente riciclato

Museo Nazionale cinese di Ningbo, il primo museo letteralmente riciclato

A prima vista, il nuovissimo Museo Storico di Ningbo, in Cina, sembra come è stato per secoli, modellato da forze naturali. Ma guardando bene le pratiche locali di costruzione ed […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento