Quirra, Procura blocca i bombardamenti: si indaga per omicidio plurimo

 
Paola P.
22 gennaio 2011
Commenta

Dopo avervi aggiornato in questi ultimi giorni sull’emergenza inquinamento che ha colpito Porto Torres in seguito allo sversamento di olio combustibile dagli impianti E.On, restiamo in Sardegna per seguire gli sviluppi di un’altra triste vicenda di contaminazione ambientale che ha risvolti pesanti sulla salute pubblica dei cittadini sardi: quella che riguarda il poligono di Quirra.

Due settimane fa avevamo sentito in merito Stefano Deliperi, presidente del Gruppo d’Intervento Giuridico e di Amici della Terra, che ci aveva aggiornati sulle ultime analisi compiute dalla Asl nell’area delle esercitazioni e su quella che può essere definita una sindrome di Quirra provocata dai contaminanti rilasciati dalle armi utilizzate: aumento di leucemie e linfomi tra i pastori, malformazioni, aborti. Dati confermati da esperti in nanopatologie che da anni studiano il fenomeno, come la dottoressa Antonietta Morena Gatti.
Notizia di queste ultime ore è che il procuratore Domenico Fiordalisi ha ordinato l’interruzione dei bombardamenti a tempo indeterminato. Il sequestro di otto bersagli è avvenuto giovedì, a cura della sezione omicidi della Mobile di Nuoro.
Eh già, perché le accuse presenti nel fascicolo pesano come macigni: omicidio plurimo, violazioni ambientali, omissione d’atti d’ufficio in relazione ai controlli sanitari.
La Procura sospetta che tra la sessantina di morti sospette di pastori e militari in servizio a Perdas alcune siano riconducibili alle attività del poligono.
Ora si procederà con tutti i controlli del caso, cercando di stabilire chi spara, a che distanza da pascoli e case e soprattutto cosa spara, se ci sono tracce di uranio impoverito, metalli sporchi, antimonio, cobalto.

I dati diffusi dalla Asl sono a dir poco allarmanti e giustificano i seri provvedimenti adottati dalla Procura: pensate che tra i 150 abitanti di Quirra e i 2600 che conta Escalaplano, negli ultimi dieci anni, sono nati 20 bambini con gravissime malformazioni, il 65% dei pastori si è ammalato di leucemie e linfomi, 21 pastori sono morti per tumori al sistema emolinfatico così come un numero imprecisato di militari ha trovato la morte a causa di rare forme di cancro.

[Fonte: Lanuovasardegna.gelocal.it]

Articoli Correlati
YARPP
Quirra, poligono sotto sequestro preventivo: uranio impoverito in agnello a due teste

Quirra, poligono sotto sequestro preventivo: uranio impoverito in agnello a due teste

Il poligono del Salto di Quirra, in Sardegna, nei giorni scorsi è stato messo sotto sequestro preventivo dal Gip di Lanusei, Paola Murru: Sussiste il fumus del delitto di disastro […]

Quirra, uranio impoverito: ISS e Regione coinvolte nelle nuove indagini

Quirra, uranio impoverito: ISS e Regione coinvolte nelle nuove indagini

Per far luce sulla sindrome di Quirra e sulle responsabilità imputabili alle attività del Poligono Interforze, saranno avviate nuove indagini. Analisi approfondite che vedranno coinvolte, oltre alla Regione, alle Asl […]

Quirra, c’è l’uranio dietro le malattie della popolazione

Quirra, c’è l’uranio dietro le malattie della popolazione

Ci eravamo occupati tempo fa di un fenomeno, denominato sindrome di Quirra, per cui si sospettava un alto tasso di inquinamento dietro i picchi di malformazioni nei neonati, linfomi e […]

Sindrome di Quirra: intervista a Stefano Deliperi, presidente del Gruppo d’Intervento Giuridico e Amici della Terra

Sindrome di Quirra: intervista a Stefano Deliperi, presidente del Gruppo d’Intervento Giuridico e Amici della Terra

Una nuova ondata di attenzione mediatica sull’annoso nodo della contaminazione ambientale della base militare nel Salto di Quirra, in Sardegna, fa seguito ai recenti riscontri dei servizi veterinari delle Asl […]

Sindrome di Quirra, quando l’inquinamento nascosto mette in pericolo la salute

Sindrome di Quirra, quando l’inquinamento nascosto mette in pericolo la salute

Le polemiche sugli effetti delle basi militari sul territorio circostante sono destinate a durare presumibilmente per sempre, ma una molto pesante è stata sollevata tempo fa dalla ricercatrice Antonietta Morena […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento