Raccolta differenziata carta

 
Marco Mancini
27 marzo 2011
Commenta

Raccolta differenziata carta

La carta

La carta è un materiale costituito da materie prime fibrose prevalentemente vegetali, lavorate tramite un processo denominato “feltrazione” che consiste nell’unire le fibre cellulosiche, essiccandole ed arricchendole con altri materiali collanti, minerali, coloranti ed additivi. Il materiale più utilizzato è la cellulosa o la polpa di legno tenero di abeti o pioppi, ma questo significa dover tagliare gli alberi. Molto più ecologico è invece riciclare la carta già esistente.

Come differenziare la carta

Una volta terminato il suo utilizzo primario, la carta può essere gettata, riutilizzata o riciclata. Il riutilizzo significa semplicemente utilizzare il retro bianco di un foglio stampato, regalare o rivendere un libro già letto, usare più volte una busta, ecc.

Le altre due opzioni sono alternative: gettare o riciclare? Sicuramente avrete notato in giro per la città le campane bianche (o bidoni) della differenziata. In queste campane si possono inserire giornali e riviste, libri, quaderni, volantini o opuscoli pubblicitari, scatole di cartone o cartoncino, fotocopie e tetra-brik (come i cartoni del latte), mentre NON vanno gettati i fogli sporchi, tovaglioli di carta usata, specialmente sporchi di olio, carta plastificata, polistirolo, tetra-brik che indicano sulla confezione che non si possono riciclare, fogli con contaminazioni chimiche da colla o altri materiali, carta autocopiante, carta per caramelle o oleata per alimenti, carta stagnola o vetrata e bicchieri e piatti di carta. Tutti questi vanno gettati nell’indifferenziata.

Una volta che abbiamo accumulato la nostra bella montagna di carta da riciclare, vediamo come procedere con tre semplici passaggi da effettuare prima di conferire tutto nella campana:

  1. Separare la carta da involucri di cellophane o altri materiali (come le finestrelle delle buste per lettere);
  2. Ripulire la carta, evitando di accartocciarla, e non legarla con fili metallici;
  3. Schiacciare le scatole.

Molto importante: non inserire il tutto in una busta di plastica. Appunto trattandosi di plastica, non c’entra nulla con la carta, quindi svuotare il contenuto nella campana senza inserire la busta. Per ulteriori informazioni contattare il numero verde dell’azienda comunale che si occupa di smaltimento rifiuti, o visitare il sito di Comieco.

Per approfondire:

Raccolta differenziata

Riciclare la carta a scuola, i consigli di Comieco

L’altra faccia del macero, i mille usi della carta in mostra

[Fonti: Rete Civica Milano; Legambiente; Provincia di Teramo]

Articoli Correlati
YARPP
Raccolta differenziata dei rifiuti? In aiuto arriva il Dizionario online

Raccolta differenziata dei rifiuti? In aiuto arriva il Dizionario online

Non sai come riciclare l’albero di Natale ora che le feste sono terminate? La carta degli affettati si può differenziare con la carta o va nel cassonetto indifferenziato? Il legno […]

Raccolta differenziata: gli errori da evitare secondo il Conai

Raccolta differenziata: gli errori da evitare secondo il Conai

Tutti vogliamo aderire alla raccolta differenziata, ma purtroppo la comunicazione in Italia non sempre funziona, e perciò capita spesso che ignari cittadini, pensando di fare del bene nel gettare nella […]

Raccolta differenziata medicinali

Raccolta differenziata medicinali

Raccolta differenziata medicinali I medicinali rientrano nel gruppo dei cosiddetti “rifiuti pericolosi”. Ma a differenza degli altri elencati in un’altra scheda, non vanno gettati necessariamente negli appositi cassonetti per i […]

Raccolta differenziata alluminio

Raccolta differenziata alluminio

Raccolta differenziata alluminio L’alluminio è uno dei metalli più duttili in assoluto. Per questo è molto comune anche nelle nostre case: è facile da lavorare, abbondante ed economico. Inoltre, nonostante […]

Raccolta differenziata vetro

Raccolta differenziata vetro

Raccolta differenziata vetro Il vetro è un liquido solidificato non cristallizzato, composto da diversi materiali come ossido di silicio, diossido di germanio, anidride borica, anidride fosforica e anidride arsenica. Esso […]