leonardo.it

Riscaldamento globale, 900 specie di uccelli a rischio estinzione

 
Marco Mancini
11 marzo 2012
Commenta

Novecento specie di uccelli potrebbero estingersi entro la fine del secolo. E’ questo l’ultimo allarme lanciato dall’Università dello Utah che ha analizzato oltre 200 studi sul tema effettuati negli ultimi anni. Secondo i ricercatori è vero che forse gli uccelli sono la razza meno a rischio in quanto, potendo volare, può spostarsi più facilmente a seconda della latitudine che più gli aggrada. Ma a rischio sarebbero tutte quelle specie che non migrano, e che sono abituate da secoli e vivere in posti dal clima stabile.

Ad esempio tra questi ci sarebbero gli uccelli tropicali che non sono abituati a far fronte alle stagioni o a cambiamenti climatici repentini. Ed infatti, secondo le stime effettuate dal capo ricercatore Çağan Şekercioğlu, queste specie sarebbero l’89% di quelle che potrebbero sparire. Alla base di questo calcolo c’è l’incremento di 3,5 gradi Celsius previsto dal panel per i cambiamenti climatici dell’Onu, previsto entro il 2100. Secondo Şekercioğlu le specie a rischio sarebbero tra le 600 e le 900, a seconda della distruzione dell’habitat da parte dell’uomo, e ad ogni ulteriore grado di surriscaldamento medio potrebbero corrispondere tra le 100 e le 500 specie estinte in più.

Il Paese che ne risentirebbe maggiormente sarebbe il Brasile dove queste specie a rischio perderanno fino all’80% del loro habitat. Purtroppo non sono solo questi i fattori di pericolo, ma bisognerebbe anche aggiungere la caccia, le specie invasive, l’inquinamento e le malattie che potrebbero aggravare ulteriormente la perdita di biodiversità. In molti, probabilmente tra i più insensibili, potrebbero fare spallucce di fronte ad una notizia del genere, tanto sono guai per gli uccelli, a noi cosa interessa?

Ed invece no, ci interessa eccome. Secondo quanto sottolinea lo stesso ricercatore, le conseguenze sull’uomo saranno inevitabili. Della carenza di uccelli ne risentirebbero gli agricoltori, i cacciatori-raccoglitori, i pastori ed anche il resto dell’ambiente di cui questi uccelli erano parte integrante. Tutto è collegato nel mondo, ed eliminare qualche anello della catena non può avere altra conseguenza che romperla.

[Fonte e foto: Treehugger]

Articoli Correlati
YARPP
LIPU, sei specie a rischio imminente di estinzione

LIPU, sei specie a rischio imminente di estinzione

La LIPU ha divulgato la nuova Lista rossa italiana degli uccelli nidificanti in Italia: in Italia sei specie a rischio imminente di estinzione, tra cui aquila bonelli, capovaccaio e grifone. […]

Uccelli, specie a rischio estinzione locale: l’allarme della LIPU sull’avifauna italiana

Uccelli, specie a rischio estinzione locale: l’allarme della LIPU sull’avifauna italiana

Uccelli a rischio in Italia a causa della cattiva qualità dell’habitat forestale. Nello specifico alcune specie come l’astore di Sardegna, la balia dal collare, il fagiano di monte, il gallo […]

Pinguini, a rischio estinzione 10 specie su 18

Pinguini, a rischio estinzione 10 specie su 18

E’ la lunga marcia dei pinguini verso…l’estinzione. Dieci specie su diciotto sarebbero a rischio, o almeno stando alle previsioni, ben poco ottimistiche, effettuate dagli esperti. Gli studiosi ne hanno parlato […]

Riscaldamento globale: anche gli uccelli si stanno rimpicciolendo

Riscaldamento globale: anche gli uccelli si stanno rimpicciolendo

Tempo fa ci siamo occupati di un fenomeno strano che stava accadendo in Scozia. Una specie tipica di pecora si stava rimpicciolendo a causa del riscaldamento globale. Sembrava dovesse essere […]

Riscaldamento globale: le specie più a rischio sono gli insetti, la base della catena alimentare

Riscaldamento globale: le specie più a rischio sono gli insetti, la base della catena alimentare

Giorni fa parlavamo di una razza di pecora che si stava evolvendo a causa dei cambiamenti climatici. Ma non dobbiamo dimenticarci che ci sono migliaia di specie che per colpa […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento