Individuato batterio che raddoppierà la produzione di idrogeno

di Marco Mancini 3

karin willquist

Il gas idrogeno è oggi usato principalmente per la produzione di sostanze chimiche, ma un brillante futuro si prevede per esso come carburante per autotrazione, in combinazione con celle a combustibile. Per produrre idrogeno gassoso in modo sicuro per l’ambiente, alcuni batteri vengono aggiunti alla silvicoltura e nei rifiuti domestici, utilizzando un metodo simile alla produzione di biogas. Un problema con questo metodo di produzione è che lo scambio idrogeno è basso, vale a dire che le materie prime generano poco idrogeno.

Ora, per la prima volta, i ricercatori svedesi hanno studiato un batterio che produce il doppio di gas idrogeno rispetto ai batteri attualmente in uso. I risultati mostrano come, quando e perché il batterio può assolvere al suo eccellente lavoro ed aumentare le possibilità di competitività della produzione biologica di idrogeno.

Ci sono tre importanti spiegazioni del motivo per cui questo batterio, che si chiama Caldicellulosiruptor saccharolyticus, produce gas idrogeno più di altri. Uno è che si è adattato ad un ambiente a basso consumo energetico, che ha causato lo sviluppo di sistemi di trasporto efficaci di carboidrati e la capacità di abbattere parti inaccessibili di piante con l’aiuto di enzimi. Ciò significa a sua volta che produce più gas idrogeno. La seconda spiegazione è che può far fronte a temperature sempre più elevate rispetto a molti altri batteri. Più alta è la temperatura, più gas idrogeno può essere formato

riassume Karin Willquist, studente di dottorato in Microbiologia Applicata dell’Università di Lund. La terza spiegazione è che il batterio CS può ancora produrre gas idrogeno anche in condizioni difficili, ad esempio l’idrogeno ad alta pressione parziale, che è necessario per far diventare la produzione di idrogeno più economica.

Quando l’idrogeno è usato come un vettore di energia, per esempio dei motori degli autoveicoli, l’acqua è l’unico sottoprodotto. Tuttavia, poiché la produzione di gas idrogeno stesso, se è effettuata con un metodo convenzionale, consuma grandi quantità di energia, l’idrogeno non è ancora un vettore di energia molto rispettoso dell’ambiente.

Riformare il metano o l’elettrolisi dell’acqua sono attualmente i metodi più comuni per produrre gas idrogeno. Tuttavia, il gas metano non è rinnovabile e il suo utilizzo porta ad un aumento delle emissioni di biossido di carbonio. L’elettrolisi richiede energia, in genere acquistata dai combustibili fossili, ma a volte anche dal vento o dall’energia solare. L’idrogeno può anche essere generato dall’energia eolica, che è un’alternativa ecologica, anche se l’energia eolica è controversa per altri motivi.

Se l’idrogeno viene prodotto dalla biomassa, non vi è aggiunta di anidride carbonica, perché l’anidride carbonica formatasi nella produzione è la stessa che viene assorbita dall’atmosfera da parte delle piante utilizzate. Il gas bio-idrogeno probabilmente sarà complementare al biogas in futuro

prevede Willquist. Oggi ci sono auto che funzionano a gas idrogeno, ad esempio, la Honda FCX, anche se sono poche. La ragione di questa carenza è che è troppo costoso produrre idrogeno e non vi sono molte infrastrutture che lo distribuiscono.

Un primo passo verso una società ad idrogeno potrebbe essere quella di una miscela di gas idrogeno con gas metano e utilizzare le infrastrutture esistenti di gas metano. Gli autobus a Malmö, per esempio, sono alimentati da una miscela di gas idrogeno e metano.

Il Caldicellulosiruptor saccharolyticus è stato isolato per la prima volta nel 1987 in Nuova Zelanda, ma solo di recente i ricercatori hanno davvero cominciato a realizzare il vero potenziale del batterio.

Fonte: [Sciencedaily]

Commenti (3)

  1. If time is money you’ve made me a weahtlier woman.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>