Caccia: il Governo rischia di condannare a morte gli animali

di Redazione 7

L’Unione Europea nel 2006 ha aperto una procedura d’infrazione nei confronti dell’Italia perché, in sostanza, nel nostro Paese si caccia troppo. La risposta del Governo è stata allungare ulteriormente i periodi di caccia. In questi giorni al Senato si discute su come reagire di fronte a questo problema, e soprattutto a seguito delle pressioni che giungono da Bruxelles. Il problema è che pare che il Governo sia orientato verso un ulteriore aggravamento della situazione.

Se attualmente infatti la stagione venatoria prevista va dal 1 settembre al 31 gennaio (5 mesi), l’articolo 38 della legge Comunitaria pare voler abbattere anche questo limite, lasciando campo libero ai cacciatori tutto l’anno. Ciò significa condannare a morte gli animali. Infatti verrebbero uccise prede anche nei periodi migratori, cosa vietata in tutto il mondo, e nel periodo di svezzamento dei cuccioli, quando non sono ancora in grado di cavarsela da soli. Per questo 100 associazioni animaliste e ambientaliste hanno scritto al Presidente del Consiglio, chiedendogli di fare qualcosa in merito.

Tra le associazioni compaiono le principali, Lipu, Amici della Terra, Enpa, Legambiente, Lav, Greenpeace e Wwf, ma anche diverse associazioni di cittadini che non vogliono vedere nelle loro campagne gente con un fucile in mano tutto l’anno, con il pericolo di sparare anche a bambini o a persone che per caso si trovano a passare da quelle parti. Spiegano le associazioni, nel documento congiunto:

L’articolo 38 dalla legge Comunitaria è un inganno all’Europa e ai cittadini italiani. Ci rivolgiamo a lei, Signor Presidente, perchè intervenga immediatamente e impedisca l’approvazione dell’articolo 38 della legge Comunitaria. Il paradosso, Signor Presidente, è che tutto ciò avviene in risposta ad una durissima procedura di infrazione europea che contesta all’Italia di concedere troppe deroghe e di non prevedere il divieto assoluto di caccia nei periodi di dipendenza e migrazione degli uccelli. Con il primo provvedimento del Governo che sarà una riduzione delle tutele per la biodiversità e il via libera a un nuovo assalto, le chiediamo, di intervenire in prima persona sul suo Governo e in particolare sul ministro Ronchi, chiedendo la cancellazione dell’articolo 38.

Nella stessa maggioranza stessa ci sono dei parlamentari che non sono d’accordo con tale mostruosità. Vedremo se ancora una volta le lobby della caccia avranno la meglio su centinaia di migliaia di cittadini arrabbiati.

Fonte: [Corriere della Sera]

Commenti (7)

  1. A questo orrore risponderemo,le loro armi distruggeremo,non con violenza, ma con la forza della ragione…siamo TANTI,invaderemo in massa i boschi delle mattanze,abbiamo orchestre intere che suoneranno all’infinito…

  2. Stanno prendendo forma critiche e preoccupazioni,diciamo così,relativamente importanti al riguardo della caccia alla selvaggina.Ineffetti, per molti versi è una preoccupazione, direi, cieca da molti punti di vista.
    Preoccuparsi del problema della specie dei volatiti è anche leggittimo, ma quello che non capisco è un altro punto:”Perchè non menzionare all’inquinamento dei Mari con gli scarichi che noi, tutti, facciamo ogni giorno,compreso gli additivi(altamente inquinanti)del bucato, non trascurando i scarichi dai tubi di scappamento delle auto e dalle canne fumarie delle industrie e fabbriche?
    Ecco, possiamo dire che le persone e gli ambientalisti si preoccupano solo a metà. Poveri ipocriti.

  3. invece di invadere i boschi in massa con le vostre orchestre,perchè non vigilate durante in periodo estivo con delle belle passeggiate così facendo potreste far desistere a qualche maleintenzionato ad appiccare il fuoco nei boschi perchè cosiì facendo si potrebbe evitare stragi di piccoli animali e nidi di uccellini.QUESTA E LA VERA CONDANNA A MORTE ESSERE BRUCIATI VIVI.Cosa ne pensa Eva?

  4. NON SONO I CACCIATORI A FARE STRAGI DI UCCELLI,E INQUINARE CON PESTICIDI E QUANTALTRO I BOSCHI I VERI ECOLOGISTI SONO PROPRIO LORO.

  5. Hello there, just became aware of your blog
    through Google, and found that it is really informative. I’m going
    to watch out for brussels. I’ll appreciate if you continue
    this in future. A lot of people will be benefited from your writing.
    Cheers!

    Also visit my website; ig

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.