Frutta e verdura, il vademecum della Coldiretti contro gli sprechi

di Paola P. 5

Un frutto su quattro d’estate finisce nel cassonetto. E’ il dato diffuso dalla Coldiretti ed è ancora più allarmante se pensiamo al fatto che nei mesi estivi si acquista e si consuma ancora più frutta e verdura del solito.

Il caldo afoso, ce lo ricordano da più parti, si combatte a tavola aumentando gli alimenti ricchi di acqua, vitamine e sali minerali, utili per reintegrare i liquidi persi dall’organismo con la sudorazione eccessiva. Inutile però correre dal fruttivendolo e svaligiare il bancone presi dalla foga dell’acquisto salutistico. Le insidie e gli sprechi sono infatti in agguato e sono dovute soprattutto ai problemi di conservazione, con una perdita di prodotti stimata dalla Coldiretti al 25%, tra produzione, commercio e consumo, dovuta proprio all’eccessiva maturazione.

Ci viene in aiuto il decalogo messo a punto dall’associazione proprio per ottimizzare i consumi e ridurre la spesa per frutta e verdura, evitando finisca nell’immondizia e garantendo, con poche e semplici regole, che si conservi al meglio. Vediamole.

  1. Come anticipavamo sopra, non lasciatevi prendere dalla foga dell’acquisto e non fate scorta di frutta e verdura settimanale. Meglio uscire ogni uno o due giorni a rifornirsi e comprare in piccoli quantitativi.
  2. Potendo scegliere, optate per frutti non appassiti, con il giusto grado di maturazione, un aspetto turgido e non eccessivamente necrotizzati nei punti di taglio.
  3. Comprate locale. La frutta che viaggia meno dura di più e ha meno impatto sull’ambiente, nonché risolleva l’economia del posto. Io solitamente chiedo al fruttivendolo di indicarmi la provenienza dei prodotti e opto per quelli coltivati nei dintorni, tra l’altro, il che non guasta, mangiare locale costa meno.
  4. Parola d’ordine frutta di stagione:  ha tempi di maturazione naturali.
  5. Optate per frutti interi (ad esempio il cocomero) che si conservano più a lungo.
  6. Comprate frutta e verdura poco prima di rientrare a casa, eviterete che stia al sole ad alte temperature o a marcire in macchina.
  7. Sistematela sui sedili posteriori e non nel bagagliaio. Questo consiglio è valido, ovviamente, solo se avete l’aria condizionata in auto.
  8. I diversi tipi di frutta vanno mantenuti separati in sacchetti di carta invece che ammucchiati indistintamente in un’unica busta di plastica.
  9. Una volta arrivati a casa, separate la frutta che dovrete consumare a breve da quella che volete conservare più a lungo: sistemate la prima in un portafrutta al buio (potete anche coprirla con un tovagliolo) e comunque lontano dai raggi del sole, la seconda riponetela in frigorifero, ma lontano dalle pareti refrigeranti.
  10. Per evitare  ammaccature e sviluppo di marcescenze la frutta va sistemata  distesa sul contenitore, e non a mucchio.

[Fonte: Adnkronos]

Commenti (5)

  1. Do you mind if I quote a couple of your articles as long as I provide credit and sources back to your website?
    My blog is in the exact same area of interest as
    yours and my users would definitely benefit from a lot of
    the information you present here. Please let me know if this okay with you.
    Regards!

    My blog :: ig

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.