Ecosistema Urbano 2019, Trento la città più verde d’Italia 

di Fabiana Commenta

Trento, Mantova, Bolzano, Pordenone e Parma: ecco la top five della classifica di Ecosistema Urbano 2019 dei capoluoghi di provincia italiani realizzata dalla ricerca condotta da Legambiente, Ambiente Italia e Il Sole 24 Ore. 

Cambio al vertice per Mantova, in testa nel 2018, che cede il primo posto alla città di Trento: per la prima volta la città trentina si attesta come città più gran d’Italia per miglioramento nella qualità dell’aria, utilizzo di trasporti pubblici, attenzione alla mobilità ciclabile.

Parma resta nelle migliori città, ma passa dal secondo al quinto posto. Chiudono la classifica agli ultimi posti Catania, Siracusa e Vibo Valentia. Per redigere la classifica vengono impiegati 18 parametri divisi in cinque macro categorie, praticamente qualità dell’aria (con la concentrazione di concentrazione di PM10), rete idrica (e relative dispersioni), mobilità (incluse le piste ciclabili), ambiente e rifiuti, che consentono di capire la qualità dell’aria di 100 delle nostre città e di cogliere le condizioni di vita dei cittadini. 

Ecosistema Urbano 2019, la classifica 

Al primo posto delle cinque città più green d’Italia figura Trento che conquista il titolo per la prima volta, ai danni di Mantova che scende al secondo posto. 

Bolzano si colloca al terzo posto, Pordenone al quarto e Parma al quinto posto perdendo tre posizioni e passando dal secondo al quinto posto. 

Ci sono altre prime posizioni parziali: Lucca è la migliore per isole pedonali, Padova per il solare, Ferrara di distingue per la raccolta differenziata dei rifiuti, Matera è prima per il verde, Reggio Emilia nelle piste ciclabili ed Enna primeggia come città per la migliore qualità dell’aria.

Analizzando la classifica redatta tenendo conto dei 100 capoluoghi italiani, nella metà della classifica vengono collocata grandi città come Bologna (13), Firenze (24), Perugia (26) e Milano (32) che scende di nove posizioni rispetto all’anno scorso, ma anche Cosenza (14) e Teramo (28). 

Catania, Siracusa e Vibo Valentia chiudono la classifica anche per via dei dati non aggiornati nel 2019, ma si trovano fra le ultime posizioni anche grandi città come Napoli (89), Bari (87), Torino (88), Roma (89) e Palermo (100). Traffico, rifiuti e acqua sono le note dolenti di questi centri. 

Fra le città che hanno migliorato le propria performance ambientale ci sono Agrigento (che conquista il maggior numero di posizioni), Potenza, Ferrara e Cuneo, ma ci sono anche altre città che l’hanno peggiorata, come Isernia, Salerno e Savona). 

I trend dell’anno 

Analizzando i trend dell’anno anche facendo riferimento alle precedenti classifiche, si nota un’Italia sempre più attenta alle nuove scelte urbanistiche, ai servizi di mobilità, all’impegno contro lo spreco alimentare e nella riduzione del consumo di acqua. Ma è anche vero che emergono non poco criticità in molte zone di tutta Italia con problematiche legate soprattutto allo smog o al ciclo dei rifiuti.

MOBILITA’, NELLE GRANDI CITTA’ SERVIZI PUBBLICI INEFFICIENTI E TROPPE AUTO

 

PHOTO CREDITS | INSTAGRAM

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.