Incentivi rinnovabili, fissati nuovi parametri dal Governo

di Marco Mancini 2

incentivi rinnovabili nuovi parametriIl mercato delle rinnovabili comincia a delinearsi più chiaramente grazie alle nuove strategie volute dal Ministero dell’Ambiente e dal Governo. Scongiurata definitivamente la possibilità dell’eliminazione degli incentivi, i quali non solo sono confermati, ma ora abbiamo anche la certezza che ci saranno sul lungo termine visto che è stato ufficialmente fissato l’obiettivo del 35% di energia elettrica prodotta dalle rinnovabili entro il 2020. Attualmente è al 26%.

Un aspetto innovativo è che sono stati introdotti maggiori controlli ed un sistema di aste per i grandi impianti, superiori ai 5 MW, e l’approvazione dei registri di prenotazione per gli impianti di taglia medio-piccola. Ovviamente esclusi quelli domestici. Ma cosa cambia con questi nuovi parametri?

Il nuovo conto energia scatterà dal prossimo 1 luglio e metterà a disposizione 500 milioni di euro per gli incentivi, i quali potranno arrivare fino a 6,5 miliardi di euro. Chi vorrà costruire un impianto sopra i 12 Kw dovrà iscriversi in un registro del Gse per poter ottenere il finanziamento. Questi saranno limitati e verrà data priorità agli impianti sui tetti degli edifici rispetto a quelli a terra. Gli incentivi aumenteranno di anno in anno, anche se di poco fino ad arrivare al 2020 quando si calcola di arrivare a 9 miliardi.

Sono stati previsti anche cinque miliardi e mezzo per le rinnovabili diverse dal fotovoltaico (due miliardi più di quanto è stato fatto fino ad oggi) e si attiveranno le aste per gli impianti superiori ai 20 Mw per l’idroelettrico ed il geotermico, superiori ai 5 Mw per gli altri.

Il nuovo regime pone le basi per uno sviluppo ordinato e sostenibile delle energie rinnovabili, allineando gli incentivi ai livelli europei e adeguandoli agli andamenti dei costi di mercato, calati radicalmente nel corso degli ultimi anni. Vengono favorite le tecnologie con maggior ricaduta sulla filiera economico-produttiva nazionale e ad alto contenuto innovativo, introducendo inoltre meccanismi per evitare distorsioni a livello territoriale e conflitti con altre filiere produttive nazionali, in particolare con quella alimentare

hanno dichiarato in una nota congiunta i ministri coinvolti nell’iniziativa, e cioè Clini (Ambiente), Passera (Sviluppo Economico) e Catania (Agricoltura). Nonostante i buoni numeri però, le associazioni delle rinnovabili non sono contente perché non sono state consultate durante l’iter decisionale. Intanto, per chi fosse interessato, per tutti i dettagli è possibile consultare il sito del Gse.

Photo Credits | Thinkstock

Commenti (2)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>