Italia, aumentano cicloni e nubifragi per il riscaldamento degli oceani

di Matteo Carriero Commenta

In Italia aumentano i cicloni e i nubifragi e anche la loro intensità: cicloni portatori di pioggia a Genova, trombe d’aria vicino Roma, gli scienziati chiariscono che non è un caso e che alla base vi è il riscaldamento degli oceani.

Se pensate che in Italia si stiano verificando più nubifragi, trombe d’aria e cicloni rispetto alla media del passato, non vi state sbagliando. Come ha spiegato il climatologo del Cnr Giampiero Maracchi, infatti

Fine agosto è il periodo dei temporali. Però l’intensità di questi eventi è anomala. Ed è la conseguenza di vent’anni di riscaldamento degli oceani, che hanno portato a un’estremizzazione e a una tropicalizzazione del clima.

Antonio Sanò de Ilmeteo.it, invece, ricorda come quest’anno l’epilogo dell’estate si sia rivelato molto rapido, tanto che la stagione 2013 è simile a varie rilevazioni degli anni 80 e 90 (e difatti questa estate viene considerato sostanzialmente anomala). Antonio Sanò ha però precisato che comunque

I mutamenti climatici globali sono all’origine dei temporali violenti e dei nubifragi di questi giorni. Le città più colpite sono quelle vicine al mare. Lo abbiamo visto a Roma, Napoli, Grosseto. A Genova poi la situazione è aggravata dalle montagne vicine alle coste, che impediscono alle nuvole di scivolare via.

Nonostante quindi le temperature locali meno calde della media, attenzione poiché comunque fino a ottobre resterà relativamente alto il rischio di nubifragi e cicloni nella nostra penisola, sebbene il rischio man mano che passeranno i giorni andrà a mitigarsi.

Insomma pochi dubbi sull’origine dell’ondata anomala di cicloni e nubifragi nel nostro paese, di cui i recenti casi di Genova e delle coste in provincia di Roma sono esemplari: è ai mutamenti climatici che dobbiamo guardare e più nello specifico all’innalzamento della temperatura degli oceani: è da mari molto caldi che si innesca il meccanismo dei temporali e dei nubifragi.

Photo credits | Getty Images

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.