L’Unione Europea e l’ecoenergia: il futuro è nell’eolico

di Paola P. 3

Al via i lavori della conferenza europea sull’energia eolica. La European Wind Energy Conference & Exhibition (31 marzo. 3 aprile), si svolge a Bruxelles ed è organizzata dalla EWEA, l’Associazione europea per l’energia eolica.
Tema principale del dibattito saranno le proposte legislative sulle energie rinnovabili, argomento caldo e mai come ora profondamente attuale ed urgente. Se l’Europa utilizzasse il 20% di energia alternative per coprire i suoi consumi, sarebbe un risultato non da poco, con effetti positivi sulla salute dell’intero pianeta.

Il presidente dell’Ewea Arthouros Zervos, ha presentato un’analisi sul futuro dell’eolico. Il rapporto si intitola ”Pura Energia: scenari dell’energia eolica fino al 2030′‘ e prende in considerazione gli eventuali sviluppi di un programma eolico, periodizzandone gli effetti.


Cosa avverrà dunque grazie all’impiego di energia eolica nel 2010, nel 2020, nel 2030 sul mercato elettrico, per quanto riguarda il surriscaldamento terrestre, l’emissione di gas serra e l’inquinamento.
Lo studio ha anche e soprattutto carattere economico, a dimostrazione che l’energia pulita può essere non solo un beneficio per l’ambiente ed un atto dovuto di civiltà, ma anche una fonte di risparmio e guadagno.

La Commissione Europea ha fissato per il 2020 il termine per il potenziamento della produzione di energia eolica. Finora l’eolico fornisce il 3,7% del fabbisogno energetico della Comunità, nel 2020, a quanto conferma anche questo studio, si dovrebbe raggiungere il 12%.
Solo nel 2007 l’incremento è stato di 8,5 GW, se si continua con questo andamento non sarà difficile raggiungere gli obiettivi prefissati. Per rendersi conto della quantità basti pensare che nel 2020 l’energia verde prodotta basterebbe ad alimentare 107 milioni di famiglie. [via]

Commenti (3)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.