Scarpe biodegradabili, prego piantare dopo l’uso

di Paola P. Commenta

 Il cammino fatto con le vostre scarpe torna alla terra e si trasforma in pianta elevando i vostri passi verso il cielo. Forse un concetto un po’ troppo poetico per delle semplici, o almeno all’apparenza, scarpe da tennis ma l’idea di un’azienda olandese nasce proprio dal trasformare persino un oggetto logoro, di uso comune, cui solitamente ci si affeziona e di cui non ci si vuole disfare, in qualcosa di nuovo e vivo, altrettanto visibile e concreto, sempreverde: una pianta.

E se siete degli habitué delle sneakers in pochi anni, c’è da giurarci, il vostro giardino sarà pieno di piante, a costo zero, un modo per compensare le emissioni di CO2 del processo produttivo delle scarpe e rendere il vostro camminare ad impatto zero.

A progettare le calzature completamente biodegradabili, come anticipavamo, è stata un’azienda olandese, la Oat. Presto, probabilmente già nelle prossime settimane, fa sapere la stessa azienda, le scarpe biodegradabili e ripiantabili si potranno comprare direttamente dal sito officiale del brand.

Se usare le scarpe e poi piantarle in giardino può sembrare tutto sommato un’operazione semplice, più complesso è stato invece progettare un oggetto simile. Ci sono voluti due anni di ricerca per creare quelle che sono a tutti gli effetti le scarpe più verdi del mondo. Le sneakers sono realizzate con cotone, ovviamente rigorosamente bio, plastiche biodegradabili, canapa e sughero oltre che sbiancanti non clorurati.

Anche sul luogo di fabbricazione, la Oat ha scelto di rimanere nei confini europei, evitando di creare un prodotto ecologico e andarlo poi a produrre nel lontano Oriente, cosa che ahinoi fanno in tanti e che minimizzerebbe tutti i vantaggi del risparmio di CO2 per via delle emissioni del trasporto. Le scarpe sono realizzate completamente, in ogni loro parte, in Europa.
All’Amsterdam Fashion Week il prodotto è stato premiato come quello più ecocompatibile. Una volta sotterrata nel terreno, la scarpa di degrada completamente e dai semi contenuti nella linguetta superiore nasce una nuova vita: una pianta.
Per la Oat il futuro sta nella riconciliazione tra industria e natura:

dobbiamo capire che quello che costruiamo è una parte di un ciclo vitale che deve essere chiuso, spiegano in una nota.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.