Super-gruppo di compagnie aeree adotta il biocarburante. Scatta l’avio-sostenibilità collettiva

di Marco Mancini 1

virgin_blue_airlines

Ha fatto scuola l’esempio dello scorso anno promosso dalla Virgin Atlantic di utilizzare il biocarburante per i propri aerei. Dopo un anno di esperimenti e polemiche, pian piano le varie compagnie aeree le hanno tentate tutte per ottenere dei viaggi quanto più eco-sostenibili possibile, e alla fine hanno adottato la soluzione della compagnia americana.

Si legge in quest’ottica l’accordo stilato tra 5 delle compagnie più grandi al mondo (Alaska Airlines, British Airways, Cathay Pacific, Tuifly e Virgin Blue) che si vanno ad aggiungere al Gruppo Utenti Carburante Avisostenibile già composto da Air France, Air New Zealand, Ana (All Nippon Airways), Cargolux, Gulf Air, Japan Airlines, Klm, Sas e dalla già citata Virgin Atlantic Airways.

Ma su cosa si baserà questo accordo? A risponderci è il portavoce della Boeing, uno dei promotori dell’accordo, che ha spiegato che il gruppo utilizzerà d’ora in avanti biocarburanti eco-sostenibili, i quali devono soddisfare una serie di requisiti. Il primo di essi, il più importante, è che non devono provenire da colture alimentari, cioè non devono entrare in concorrenza con le colture di cibo, come si faceva all’inizio dell’era dei biocarburanti, per non far diminuire la quantità di prodotti alimentari nel mondo e non far aggravare il bilancio dei Paesi poveri. Le altre caratteristiche sono che il biocarburante non abbia impatto sulla biodiversità, cioè le colture devono essere del luogo e non essere introdotte come specie invasive, danneggiando la biodiversità del luogo; non debba pregiudicare la disponibilità di acqua potabile e, aspetto ancora più importante, deve contribuire a diminuire le emissioni di gas serra.

Questo obiettivo è già facile da raggiungere in quanto un biocarburante inquina infinitamente meno rispetto ai carburanti fossili. Ma ciò che interessa veramente al gruppo è che nell’intero ciclo di vita della coltura, dalla coltivazione alla raffinazione, dunque ancora prima del consumo, le emissioni di gas serra devono essere il più possibile evitate. Inoltre, aspetto molto importante, se tali colture verranno adottate nei Paesi in via di sviluppo, queste:

devono comprendere misure atte al miglioramento delle condizioni socio-economiche dei coltivatori diretti che dipendono dall’agricoltura per nutrire le loro famiglie e che non richiedono lo spostamento involontario della popolazione locale

conclude Boeing. I materiali con cui verranno prodotti i nuovi biocarburanti saranno alghe, Jatropha curcus, alofite (piante che crescono nell’acqua salata) e più probabilmente materiali di scarto dalla lavorazione di vegetali (come ad esempio le bucce del cocco). Ora attendiamo che anche altre compagnie aeree, compresa l’Alitalia, si uniscano al progetto.

Fonte: [Adnkronos]

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>