Accordo Quadro Anci-CONAI 2014-2019 per la differenziata nei comuni raggiunto

di Redazione Commenta

È stato di recente sottoscritto l’Accordo di Programma Quadro tra Anci e Conai che dal 2014 al 2019, quindi per un intero quinquennio, regolamenterà l’entità dei corrispettivi di cui hanno diritto i comuni in relazione alle spese per la raccolta differenziata dei rifiuti da imballaggio. Vediamo più nello specifico di cosa si tratta e quali sono le novità del nuovo Accordo di Programma Quadro tra Anci e Conai.

Anci e Conai hanno raggiunto un compromesso e hanno sottoscritto il nuovo Accordo di Programma Quadro che per i prossimi cinque anni (più precisamente dal primo aprile 2014 al 31 marzo 2019) determina un aumento dei corrispettivi da riconoscere ai vari comuni italiani per la raccolta differenziata degli imballaggi: non parliamo solo di carta e cartone, naturalmente, ma anche di alluminio, vetro, legno e acciaio. Si tratta di un accordo importante con novità importanti: si parla infatti di aumenti senza dubbio significativi nei corrispettivi per i comuni, che si aggirano in media (per i vari materiali per i quali si provvede alla raccolta differenziata) tra il 16 e il 17 per cento.

Non solo: l’Accordo di Programma Quadro tra Anci e Conai lavora anche su aspetti tecnici della raccolta differenziata dei rifiuti da imballaggio da parte delle amministrazioni locali, questioni di notevole importanza: come si legge nel comunicato relativo al raggiungimento dell’accordo, infatti

sono state introdotte una serie di specifiche tecniche legate ai controlli in piattaforma sul materiale conferito e al monitoraggio dei relativi flussi, che migliorano il funzionamento complessivo a vantaggio sia delle attività di raccolta che di avvio a riciclo dei materiali conferiti.

Sempre sul fronte del miglioramento dei risultati nella raccolta differenziata dei rifiuti di imballaggio sono state inserite nuove misure nell’Accordo di Programma Quadro tra Anci e Conai 2014 – 2019: in particolare Conai si impegna maggiormente dal punto di vista economico per le iniziative sul territorio finalizzate a migliorare dal punto di vista qualitativo e quantitativo la raccolta differenziata delle amministrazioni locali. Inoltre è da segnalare che per quanto riguarda la plastica (parliamo sempre di rifiuti di imballaggio), è stato prorogato l’allegato tecnico in modo tale che si possano chiudere con maggior soddisfazione le trattative, ma a questo proposito dal punto di vista dei corrispettivi economici riconosciuti si è già giunti a condividere l’obiettivo dell’aumento del 10,6% dei corrispettivi per questa tipologia di rifiuti (gli aumenti fanno riferimento ai dati propri dell’anno 2013), che se andiamo a considerare la non applicazione delle restrizioni in base alle fasce qualitative, diventa pari al 16,6 per cento circa.

L’Anci, ovvero l’Associazione Nazionale dei Comuni Italiani e il Conai, ovvero il Consorzio Nazionale Imballaggi, sono quindi giunti a stipulare un accordo che, sebbene possa apparire molto tecnico, è di grande importanza per tutti: ricordiamo infatti che in Italia circa due terzi dei materiali impiegati negli imballaggi vengono riciclati, è pertanto un settore virtuoso all’interno della questione relativa alla raccolta differenziata: con l’Accordo di Programma Quadro tra Anci e Conai per i prossimi 5 anni è lecito sperare che tali numeri possano migliorare ancora, così come la qualità stessa del servizio di riciclo rifiuti all’interno delle amministrazioni locali di tutta Italia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.