Le conseguenze della deforestazione nell’isola di Sumatra

di Paola P. 7

Secondo uno studio realizzato dal WWF in una delle province di Sumatra, esiste uno stretto rapporto tra il fenomeno della deforestazione, i cambiamenti climatici e l’estinzione di specie rare come la tigre di Sumatra.
Più di 4 milioni di ettari di foresta tropicale sono stati distrutti negli ultimi 25 anni, e i dati si riferiscono alla sola provincia di Riau!
Il nostro Paese è, purtroppo, uno tra i principali importatori di legname.

Il disboscamento provoca un’alta immissione di CO2 nell’atmosfera, con gravi conseguenze per il clima dovute all’effetto serra.
La distruzione delle foreste comporta la scomparsa degli habitat di alcuni animali, seriamente a rischio estinzione.
Riau ha perso il 65% del totale delle sue foreste e di conseguenza l’84% degli elefanti e il 70% delle tigri.
Attualmente a Riau ci sono soltanto 210 esemplari di elefanti e 192 tigri.


La stessa sopravvivenza delle comunità indigene è a rischio, dal momento che la loro esistenza dipende dalle foreste e dalla gestione delle risorse naturali.
Uno dei motivi per i quali le foreste di Riau fanno gola ai mercati del legname occidentale, è il ramino, un tipo di legname particolarmente tenero impiegato per fabbricare cornici per quadri e battiscopa.
Fra gli anni Settanta e metà degli anni Novanta sono stati esportati dall’Indonesia più di 500 mila metri cubi di ramino, la metà è sbarcata in Italia.

Il programma promosso dal WWF mira alla tutela degli habitat di tigri ed elefanti, ma soprattutto a far rispettare le convenzioni internazionali che regolamentano l’esportazione delle materie prime. Solo in questo modo si potranno salvare le specie a rischio di estinzione e, nel contempo, evitare disastri climatici.
Per maggior informazioni il sito del WWf mette a disposizione il rapporto completo sulla deforestazione nell’isola di Sumatra.

Commenti (7)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.