Barriere coralline: entro il 2100 cominceranno a sparire

di Marco Mancini 5

Le barriere coralline del mondo cominceranno a disintegrarsi prima della fine del secolo, in quanto i livelli crescenti di anidride carbonica nell’atmosfera fanno diventare gli oceani più acidi, avvertono gli scienziati. Più di 9.000 barriere coralline di tutto il mondo si prevede potranno disintegrarsi quando i livelli di biossido di carbonio nell’atmosfera raggiungeranno le 560 parti per milione.

La quantità di anidride carbonica nell’atmosfera di oggi è di circa 388ppm, ma si prevede possa raggiungere 560ppm entro la fine di questo secolo. Le barriere coralline sono alcuni tra i più ricchi centri di biodiversità degli ecosistemi marini nel mondo. Sono una casa per più di 4000 specie di pesci e facilitano la riproduzione, rifugio e aree di alimentazione per animali marini, come granchi, stelle marine e tartarughe.

Questi ecosistemi che ospitano la più alta diversità della vita marina negli oceani possono essere notevolmente ridotti nel giro di meno di 100 anni

ha detto il dottor Jacob Silverman della Carnegie Institution di Stanford University, California. Le barriere coralline crescono nei loro scheletri strutturali mediante il deposito di aragonite, una forma di carbonato di calcio, proveniente da ioni calcio nell’acqua di mare. Considerato che gli oceani assorbono l’anidride carbonica atmosferica, il processo fa diventare acido il carbonato di calcio che si scioglie.

Il gruppo di Silverman ha studiato una barriera corallina nel Nord del Mar Rosso e ha calcolato la sua risposta alle acque sempre più acide. La ricerca ha dimostrato che la capacità dei coralli di costruire nuove strutture dipendeva fortemente dall’acidità dell’acqua e dalla temperatura in misura minore.

Da questi dati i ricercatori hanno creato una mappa globale di più di 9.000 barriere coralline, che hanno dimostrato che tutte sono a rischio di disgregazione se i livelli di biossido di carbonio nell’atmosfera raggiungessero le 560ppm.

In uno studio separato, Simon Donner, uno scienziato ambientale presso l’Università della British Columbia in Canada, ha avvertito che l’anidride carbonica nell’atmosfera è già ad un livello abbastanza alto da provocare un devastante sbiancamento dei coralli.

I coralli hanno un rapporto simbiotico con le alghe microscopiche che vivono su di essi. Le alghe danno alle barriere coralline dei colori vivaci, ma sono anche un’importante fonte di cibo per la vita marina. Quando si alza la temperatura del mare, i coralli espellono le alghe e diventano bianche. Una volta che questo accade, il corallo è privo di energia e muore.

Anche se abbiamo congelato le emissioni oggi, il pianeta si sta ancora un po’ riscaldando. Questo è abbastanza per permettere uno sbiancamento pericolosamente frequente nelle barriere di tutto il mondo

ha concluso Donner. Lo sbiancamento è diventato sempre più diffuso negli ultimi anni. Nel 2006 ha colpito la parte meridionale della Grande Barriera Corallina Australiana, il sistema più grande di barriera corallina del mondo. E ben presto anche le altre potrebbero fare la stessa fine.

Fonte: [The Guardian]

Commenti (5)

  1. Difendiamo le barriere coralline come ogni altro ecosistema

  2. Ho mandato sulla mia pag. di fb di firmare la petizione con urgenza ne vale la nostra sopravivenza.
    E’ necessario riequilibrare l’ecosistema, spero che l’essere intelligente non si faccia corrompere dalla maledizione del DENARO, per sua causa stanno disttrugendo ogni qualsiasi cosa bella che esiste in questo mondo.
    Cosa lasceremo ai nostri figli?????????? un Mondo spoglio per causa degli interessi economici???????
    Amiamo questo Mondo per distruggere la Violenza, che è in ogni angolo del MONDO.

  3. amiamo questo mondo facciamo molta attenzione a non inquinarlo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.