Ecologia, oggi è la Giornata nazionale delle Ferrovie dimenticate

di Redazione Commenta

Oggi si festeggia la VI edizione della Giornata nazionale delle Ferrovie dimenticate. Con oltre 50 eventi da Nord a Sud dell’Italia si potrà andare alla scoperta degli itinerari ferroviari su rotaia dismessi con passeggiate a piedi, in bicicletta o su antichi convogli per non dimenticare e per riscoprire “in senso ecologico” il passato.

Il 3 marzo 2013 torna il consueto appuntamento con la Giornata delle Ferrovie dimenticate. Dalla Sicilia alla Valle d’Aosta si svolgeranno eventi e visite guidate ai vecchi itinerari su rotaia, a piedi, in bicicletta e anche su convogli d’epoca. L’evento, organizzato dall’associazione CoMoDo (Confederazione per la mobilità dolce) ha come obiettivo quello di valorizzare e conservare le linee ferroviarie non più utilizzate, che rappresentano circa 6.400 km sull’intera rete nazionale, una “ragnatela di itinerari segnati da percorsi storici, importantissimi per la riscoperta del bel paesaggio italiano”.

Le ferrovie dimenticate rappresentano un patrimonio per tutti, un patrimonio che non deve scomparire ma deve essere trasformato “in senso ecologico” con la riconversione dei vecchi itinerari su rotaia in piste ciclabili, pedonali o equestri, in strade al sicuro dal traffico motorizzato. Gli eventi di oggi, consultabili sul sito dedicato alla Giornata delle Ferrovie dimenticate, sono curati da decine di piccole associazioni volontarie e da gruppi di persone, oltre che dalle associazioni ambientaliste e di categoria più note, come Wwf Italia, Legambiente, Italia Nostra, Touring Club Italiano, Club Alpino italiano, Ferrovie Turistiche Italiane. Tra gli eventi da segnalare vi sono le escursioni in bicicletta sulla vecchia linea ferroviaria Udine-Majano, in provincia di Udine; oppure presso la linea dismessa Arezzo-Gragno, Pisa-Marina. Escursioni a piedi si svolgeranno lungo la ferrovia che attraversa le Saline di Volterra, o sulla Grandate-Milano in Lombardia. Interessante anche il viaggio in treno sulla Transiberiana d’Italia, la Sulmona-Carpinone-Isernia, in Molise; o il viaggio in treno-trekkingferroviario Petina-Auletta-Lontrano nella provincia di Salerno.

[Fonte e foto: Ferrovie dimenticate]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.