Ambiente, Giornata mondiale dell’alimentazione (16 ottobre 2012)

di Redazione 2

Il 16 ottobre 2012 si celebra la Giornata Mondiale dell’Alimentazione con le “cooperative agricole che nutrono il mondo”. L’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Alimentazione e l’Agricoltura (FAO) ha scelto questo tema per sensibilizzare sull’importanza delle strategie alimentari per porre “fine alla fame nel mondo”.

Sono le cooperative agricole le principali risorse che l’uomo, e la Terra, hanno a disposizione per porre rimedio alla fame nel mondo, solamente una sicurezza alimentare, un’agricoltura non intensiva ma sostenibile e a basso impatto ambientale possono fare la differenza. Come ha spiegato José Graziano da Silva, direttore della FAO

In tre decenni di riduzione degli investimenti nazionali in agricoltura e nell’assistenza ufficiale allo sviluppo, milioni di piccoli produttori hanno incontrato difficoltà nell’affrontare e nel reagire alla variabilità e alle crisi del clima, dei mercati e dei prezzi. Dopo la crisi alimentare del 2007-2008 molti Paesi hanno rinovato il loro impegno per debellare la fame nel mondo e migliorare i mezzi di sussistenza. Ma in alcuni casi gli impegni verbali non sono stati seguiti da un concreto sostegno politico, programmatico e finanziario.

Inoltre, ha aggiunto

Ogni giorno i piccoli produttori di tutto il mondo continuano a dover affrontare ostacoli che impediscono loro di cogliere i frutti del loro lavoro e di contribuire alla sicurezza alimentare, non solo per loro stessi ma per tutti, tramite una partecipazione attiva nei mercati. Tuttavia, infrastrutture insufficienti e un accesso limitato ai servizi, informazione, risorse e mercati, cui si aggiunga la scarsa rappresentanza nei processi decisionali, impediscono la valorizzazione di questo potenziale.

Sono proprio le cooperative a rappresentare una valida soluzione a questi problemi perché l’unione dei piccoli produttori permette loro di superare tutti questi ostacoli e di “attenuare gli effetti negativi delle crisi alimentari o di altro tipo”. L’unione in cooperative agricole, può per esempio, fa ridurre i costi a carico degli agricoltori, o permettere loro di acquistare a prezzi migliori nella vendita al dettaglio dei mezzi tecnini agricoli.

[Fonte e foto: FAO]

Commenti (2)

  1. It’s great that you are getting thoughts from this article as well as from our argument made at this time.

    my blog post: ig

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.