In Italia 1123 comuni hanno superato quota 65% per la differenziata

di Matteo Carriero 2

In Italia sono già 1123 i comuni che hanno superato quota 65% per ciò che concerne la raccolta differenziata dei rifiuti, e che per questo sono stati premiati da Legambiente, che ora si prepara per la tre giorni di Puliamo il mondo, in programma per il 28, il 29 e il 30 settembre prossimi.

Secondo i buoni dati diffusi dall’Istat nel 2011 in Italia mentre la quantità totale di rifiuti prodotti ha conosciuto un calo pari al 2,9 per cento, contemporaneamente la quota della raccolta differenziata ha invece conosciuto un incremento dell’1,8 per cento. Eppure c’è ancora moltissimo da fare, soprattutto per riuscire a uniformare la pratica della differenziazione dei rifiuti tra il Nord (che la applica con buona costanza) e il Sud (dove invece stenta molto a diffondersi. Rossella Muroni, la direttrice generale di Legambiente, ha di recente dichiarato, in merito all’emergenza rifiuti:

non è tuttavia una condanna definitiva per l’Italia e se ne può uscire, imboccando la strada della gestione partecipata, efficiente e sostenibile. Questo obiettivo si può raggiungere puntando sulla prevenzione e sulla riduzione degli sprechi, incentivando di contro il riciclaggio e gli acquisti verdi, promuovendo la qualità delle raccolte differenziate e le buone pratiche già diffuse in centri grandi e piccoli del nostro Paese. È necessario inoltre concretizzare iniziative strutturali di carattere nazionale, che coinvolgano in primis il mondo della produzione e quello della distribuzione, come richiesto anche dalla nuova direttiva europea sui rifiuti, che prevede per ogni Stato membro entro il 12 dicembre 2013, la redazione del Programma nazionale di prevenzione. A tal riguardo, l’Italia ha ridotto di un anno la scadenza, ci chiediamo pertanto, a due mesi e mezzo dal termine previsto, a che punto siano i lavori del ministero dell’Ambiente.

Se da un lato il numero di comuni in Italia con una quota di differenziata superiore al 65% è salito a 1123, non bisogna assolutamente dimenticare che c’è ancora moltissimo da fare nella penisola nel settore della gestione dei rifiuti.

Photo credits | epsos.de  su Flickr

Commenti (2)

  1. wh0cd59285 [url=http://acyclovir400mg.click/]acyclovir 400mg[/url] [url=http://lasixgeneric.review/]lasix generic[/url] [url=http://inderalonline.us/]inderal online[/url] [url=http://buy-baclofen.tech/]visit your url[/url] [url=http://lisinoprilhydrochlorothiazide.click/]lisinopril hydrochlorothiazide[/url] [url=http://singulairforallergies.link/]singulair prices[/url] [url=http://vigara.review/]viagra[/url]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.