Tifone Hayan nelle Filippine, più di 100 morti, venti a 313 km/h

di Matteo Carriero Commenta

Il tifone Hayan che si è di recente abbattuto sulle Filippine avrebbe fatto più di 100 morti, secondo fonti del governo. La tragedia si è consumata entro una cornice pazzesca: i venti avrebbero toccato la velocità di 313 km/h, un dato che se confermato porterebbe il tifone Hayan a essere quello con i venti più potenti della storia.

Il tifone Hayan colpisce duramente le Filippine, e ora si dirige rapidamente sul Vietnam e il Laos. Si parla di una vera e propria strage con oltre 100 morti e vittime sparse anche per le strade, stando a quanto riportato da John Andrews, vice direttore generale dell’Aviazione civile del paese. Il tifono si è rivelato di categoria 5, e i venti, se davvero verrà confermato il dato del picco di 313 km/h, sono talmente forti da rappresentare un record assoluto. Le piogge hanno continuato a cadere con forza e ne sono derivati smottamenti, allagamenti, blocchi di ogni genere per le strade.

Sono caduti moltissimi alberi e da alcune abitazioni, a causa dei venti terrificanti, sono volati via detriti piccoli e grandi, anche dei tetti in lamiera. Naturalmente sono stati sospesi tutti i voli aerei interni e molti di quelli internazionali, blocco totale anche per il trasporto marittimo. Le Filippine sono un territorio terribilmente sottoposto a questo genere di tempeste, tanto che la tragedia recente del tifone Hayan è solo una tra le tante sciagure, spesso assai più gravi in termini di vittime, che hanno colpito il paese in termini recenti. Si ricordino solo il tifone Washi nel 2011, con oltre 1200 morti, e il tifone Bopha nel 2012 con circa 2000 vittime.

Il tifone Hayan si dirige ora verso il Vietnam. Secondo gli esperti la sua potenza si è ridotta, ma resta una tempesta temibilissima. Ci si augura che in Vietnam e Laos possa passare senza fare vittime.

Photo credits | Getty Images

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.