Vendemmia e clima, quando il caldo improvviso è una scommessa vincente

di Paola P. 1

Per molti l’andamento delle temperature estive altro non è che una notizia da tg scadente di metà agosto, sarebbe interessante capire invece, oltre ai soliti confronti con i dati registrati negli anni precedenti nello stesso periodo, come affronta queste variazioni chi deve necessariamente tenerle in considerazione, scommetterci per programmare e prevedere gli esiti della maturazione e della raccolta dei prodotti agricoli, quelli che ancora resistono e rispettano la stagionalità. Parliamo di uva, ad esempio. C’è chi, la Tenuta Poggio Rosso di Populonia (LI), affronta gli andamenti stagionali che si fanno sempre meno prevedibili gestendo con un approccio diverso i vigneti. E vince.

Ci racconta come è andata la vendemmia 2011, Diego Monelli, patron di Poggio Rosso, un racconto che ci ha conquistato per la passione che denota e per la narrazione sentita di chi affronta ogni anno l’imprevedibilità del clima vivendola come una sfida sempre nuova.

Certo è che vendemmie come questa, esordisce Monelli,  fanno pensare che una conduzione agronomica da manuale, fatta di sfogliature e diradamenti, cimature equilibrate, in relazione ad un andamento climatico inaspettato può addirittura dare risultati opposti a quelli previsti. Io, che sto iniziando ad applicare criteri diversi sulla gestione del mio vigneto perché punto molto sulle uve bianche, ho cominciato con lasciare più foglie in pianta, così mi sono trovato con i grappoli protetti dal sole tremendo di agosto. Ma non lo avrei mai immaginato. È veramente paradossale vedere come possano vacillare alcuni fondamentali della viticoltura attuale, quella considerata migliore per la qualità finale.

La mia, prosegue il patron, è una storia recente, ma comunque avevo scelto di puntare sui vini rossi, come è tipico di questo territorio della Costa Toscana. Mi sembrava la strada migliore perché, come si dice, se ha funzionato fino ad ora evidentemente un motivo ci sarà e quindi ho piantato merlot, cabernet sauvignon e poi sangiovese, che mi piacerebbe produrre in purezza anche se molti mi hanno detto che è una mission impossible. Infine una piccola parte del vigneto l’avevo destinata ai bianchi. Poi, dalle prime vendemmie del vermentino e del viognier ho capito che avrei potuto produrre vini bianchi dal carattere piuttosto diverso rispetto alla media di quelli della mia regione, molto intriganti, e ho iniziato a puntarci di più.

Un elemento che contraddistingue molto la mia azienda è dato dalla particolare condizione geografica e termica di cui gode: la vicinanza al mare, i venti che qui soffiano da tutte le direzioni, un po’ di salsedine in più, terreni che, quest’anno in particolare, si sono mantenuti ricchi di acqua in profondità per le molte piogge che ci sono state fino a primavera, gli sbalzi termici che spingono i precursori aromatici. In più quest’anno ho sperimentato un trattamento diverso sulla parte verde delle piante: ho sfogliato poco per tenere i grappoli un po’ di più all’ombra, fatto poche cimature e lasciato l’inerbimento. Le temperature che dalla metà di luglio sono state leggermente al di sotto della media stagionale avevano riequilibrato un ciclo vegetativo partito in leggero anticipo. L’invaiatura era partita bene e la maturazione era stata  favorita da un clima equilibrato. Poi è arrivato il mese di agosto che  ha cambiato decisamente percorso e dalla metà in poi il caldo non ha dato più tregua. Ma le mie piante avevano ombra a sufficienza per proteggersi e la giusta umidità dal sottosuolo.  Ho iniziato la vendemmia di vermentino e viognier comunque con una decina di giorni d’anticipo, ma le uve hanno retto bene al caldo infinito. Visto quanto è successo, ho avuto anche parecchia fortuna, lo confesso.

Buona fortuna anche per l’anno prossimo, Diego!

Commenti (1)

  1. Nice post. I learn something new and challenging on websites I stumbleupon every day.
    It will always be exciting to read articles from other authors and use a little something from
    their websites.

    Here is my page – ig

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.