Architettura green, con la geotermia verticale più sostenibili anche i vecchi edifici

di Matteo Carriero 1

Architettura green, con la geotermia verticale più sostenibili anche i vecchi edifici, come dimostra il lavoro effettuato a Barcellona alla Fabrica del Sol, un grosso, vecchio edificio che è stato scelto per divenire un esempio di alta efficienza energetica.

Torniamo a parlare di architettura green. Con la geotermia verticale è possibile, scendendo nel sottosuolo, generare condizioni per abitazioni o edifici di vario tipo che siano più caldi d’inverno e più freschi d’estate.  Il progetto Ground Med ha scelto, come accennato, la Fabrica del Sol di Barcellona per provare le sue idee. Come ha ricordato l’ingegnere Aniol Esquerra Alsius, sotto i piedi abbiamo un’ottima fonte d’energia pulita, che non necessita di incredibili lavori d’escavazione.

Cento metri sono sufficienti e così il meccanismo è anche più economico. Con una pompa di calore, come quelle utilizzate per l’aria condizionata, è possibile sfruttare l’inerzia termica della terra. La temperatura costante del sottosuolo permette una produzione termoelettrica più efficiente.

Il progetto del Ground Med si basa sul fattore 5. Con ciò si intende che, nel sistema basato su pompe di calore e geotermia verticale si viene a ottenere energia utile con efficienza 1 a 5, ovvero, l’energia prodotta per il riscaldamento e il raffreddamento è pari a 5 volte quella che viene consumata: con un chilowatt di elettricità si producono 5 chilowatt di calore.

Naturalmente i progetti con geotermia verticale possono essere integrati con altre forme di energia. La stessa Fabbrica del Sol integra infatti a tale sistema una caldaia a biomassa e n impianto fotovoltaico. L’ingegnere Asquierra ha ricordato che il potenziale dell’energia geotermica anche in questo settore è grande, e che il principale ostacolo alla sua diffusione consiste nelle procedure di installazione. Per questo occorre continuare con la ricerca e spingere in questa direzione, poiché il gioco vale nettamente la candela.

Photo credits | Jose Maria Minarro Vivancos su Flickr

Commenti (1)

  1. Hi, yup this post is genuinely nice and I have learned lot of things from it concerning blogging.
    thanks.

    my web site: ig

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.