Bioedilizia: il più alto grattacielo ecologico del mondo sarà costruito a Milano

di Marco Mancini 2

Vivere in una casa di legno è una rarità in Italia. Vivere in un grattacielo di legno è un evento più unico che raro. E’ quanto potrebbe avvenire presto a Milano, in cui è in progettazione il più alto grattacielo fatto di legno al mondo. A parte i primi tre piani, che dovranno essere costruiti “alla vecchia maniera” con calcestruzzo, e la struttura centrale necessariamente metallica, per il resto tutti i 12 piani superiori saranno costruiti in legno.

Già di per sé è una scelta ecologica in quanto sicuramente meno inquinante dei materiali da costruzione comuni, gli alberi per ricavare il legno utilizzato per la costruzione vengono ripiantati e crescono in fretta, il materiale ha un alto livello di salubrità, è permeabile all’aria, è antisismico, ha bassissima dispersione termica (dicono anche meglio degli appartamenti moderni di classe A), e soprattutto è tutto riciclabile.

Bisogna sfatare il tabù secondo il quale una casa in legno ha senso solo a Bolzano. Le qualità intrinseche di questo materiale lo rendono adatto a costruire a qualunque latitudine. Aggiungiamo poi che nel confronto diretto con il calcestruzzo l’ecocompatibilità del legno è nettamente superiore quanto a consumo di acqua e a quantità di energia necessari alla loro produzione

ha affermato l’architetto Dante Bernini che si è occupato del progetto. Ma l’eccezionalità del palazzo non finisce qui, dato che è previsto abbia dei pannelli solari montati sul tetto che forniranno acqua calda a tutto l’edificio, ed una vasca per la raccolta dell’acqua piovana. Inoltre, per chi si preoccupa della facilità di incendi, i progettisti specificano che i materiali da costruzione sono ignifughi, cioè che non prendono fuoco. Inoltre il legno garantisce anche isolamento acustico in quanto ha uno spessore di ben 50 cm.

Il grattacielo metterà a disposizione 112 appartamenti che saranno destinati al social housing, cioè alle famiglie meno abbienti, con un costo di appena 200 euro a posto letto in quanto, nonostante l’altissima tecnologia utilizzata, costruirlo costerà infinitamente meno rispetto ad un palazzo classico delle stesse dimensioni, e richiederà molto meno tempo.

Terra Futura: bioedilizia per le case popolari?
Bioedilizia, una villa dal cuore di pietra sotto il sole cocente del Messico

[Fonte: Corriere della Sera]

Commenti (2)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.