Cresce l’offerta sul mercato del lavoro verde: i migliori siti per trovare un ecolavoro

di Sara Muscogiuri 10

I cambiamenti climatici e lo sviluppo di nuove tecnologie per sfruttare fonti di energia alternative sono il substrato su cui si svilluperà il mercato del lavoro nei prossimi anni. Questo sostengono molti economisti e ricercatori, che studiano il settore non solo dal punto di vista dell’impatto ambientale.

Alcuni esempi? In Brasile, per la produzione e la promozione dell’etanolo hanno trovato lavoro 500 mila persone circa; in Cina nel settore del riscaldamento tramite pannelli solari sono state impiegate circa 150 mila persone.Lo stesso sarebbe avvenuto in Spagna e Germania negli ultimi 3 anni.


Lo sviluppo delle tecnologie per produrre l’energia alternativa fà si che si cerchino sempre di più professionalità specializzate, ma parlando di lavoro verde non mi riferisco soltanto ad ingegneri e tecnici. Il boom verde, com’è stato definito, ha bisogno di tante professionalità: dagli operatori ecologici agli architetti specializzati in architettura sostenibile, dalle imprese di riciclo ai manutentori del verde.

Il trend di crescita dell’offerta non sembra arrestarsi e, per i prossimi due anni chi è in cerca di lavoro può ben sperare. C’è da aggiungere che lavorare per la tutele dell’ambiente ha anche un suo riscontro etico, e fa bene al portafoglio come alla persona.

Ecco quindi alcune risorse per trovare un lavoro verde, servendosi del web. Attualmente i siti più utilizzati si trovano ed offrono lavoro all’estero, mentre per l’Italia, ad eccezione di Ecolavoro, pioniere allegato a Modus Vivendi o delle sezioni dedicate all’ambiente nei siti per la ricerca del lavoro, non sono riuscita a trovare altre realtà specifiche.

Segnalo l’efficientissimo inglese Environmentjobs, che metto al primo posto: tutti i lavori verdi sono suddivisi per categorie e profili; gli annunci sono dettagliati e le scadenze visibili. C’è anche una vastissima sezione dedicata ai corsi, agli stages, al volontariato. Si trova lavoro nel mondo e in tante agenzie della Comunità Europea. Semplicemente perfetto.

Al secondo posto, la Job board di Treehugger: sempre al passo con i tempi per tutto ciò che è verde. Si trovano impieghi verdi principalmente nel settore terziario. Ideale per chi vuole trasferirsi in America.

Al terzo posto piazzo invece l’internazionale EnvironmentalCareer e Ecoemploy e Greenbiz, un vero e proprio portale sul Business ambientale. Buona scoperta di risorse verdi e per l’impiego e, se ne conoscete altre, fatemelo sapere.

Commenti (10)

  1. non penso ci sia tutta questa richiesta di operatori del settore ambientale. ho 36 anni laureato in scienze naturali con una tesi in gestione dei rifiuti, ma in un mondo pieno di monnezza non riesco a lavorare nel campo del recupero ambientale. da sei anni lavoro come operatore di sistemi gps per il rilievo topografico. ma anche in questo campo la situazione non è delle più rosse. e poi non essendo io un topografo non posso occuparmi di rilievo topografico diretto. dimenticavo: circa 10 anni fa ho acquisito una qualifica di tecnico di valutazione di impatto ambientale, ma ho scoperto che se non sei un ingegnere o un architetto, nessuna amministrazione ti prende in considerazione. se qualcuno a dritte da darmi , si faccia avanti. sono aperto ad ogni valutazione e consiglio. magari sono io che mi pongo male .
    giuseppe

  2. @ giuseppe forciniti:
    mmmh, intanto metti l’h quando scrivi…”se qualcuno (h)a dritte da darmi..” altrimenti per forza non ti piglia nessuno a fare i VIA, poi in bocca al lupo per la ricerca del tuo lavoro.

  3. @ guest:
    cavolo che perfettino! a te non capita mai di svirgolare sui tasti di una tastiera? comunque, non è che il lavoro mi manchi, è solo che non riesco a lavorare nel campo della gestione dei rifiuti.

  4. Link interessantissimi per chi vuole andare all’estero, grazie!

  5. anchio sono un naturalista a spasso… e non è vero che si trova lavoro nel verde…. credo piuttosto che sono specchietti per le allodole, per le annoiate casalinghe di voghera… epoi per giustificare i migliaia di milioni che vengono mangiati per la salvaguardia naturale……

    ed infatti forse nel tremila comincerà la bonifica ambientale delle zone industriali

    scusate se sono inkazzato ma dopo tanti anni di studi era meglio che facevo un lavoro utile….. oppure una laurea in economia per controllare insieme a tutti alla fine del mese l’agognata busta paga……

    per contatti mandate e-mail di lavoro a [email protected]

  6. se lavorare nel verde poi significa produrre verdura biologica con l’operaio pagato 5 euro l’ora in nero….non è verde…….è nerissima……

    1. Non posso darti torto!

  7. verissimo nessun lavoro nel verde….nemmeno come giardiniere…tutte balle quelle scritte su questo sito

    1. nelle rinnovabili cara Alice l’occupazione è in crescita…

  8. SALVE,SONO UNA MAMMA IN ATTESA DI SEPARAZIONE E DOPO AVERNE TENTATE TANTE ,INUTILMENTE, VORREI LAVORARE NEL SETTORE “VERDE” DATO CHE ADORO LA NATURA.VIVO IN ABRUZZO E PRECISAMENTE NELLA CITTA DI TERAMO.VORREI DIVENTARE IMPRENDITRICE.DATEMI UN CONSIGLIO CORTESEMENTE. GRAZIE. AGGIUNGO UN RECAPITO TEL.331-9104007-3491480718 GRAZIE. DISTINTI SALUTI.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.