Super-deuterio, l’energia nucleare del futuro veramente pulita

di Paola P. Commenta

Un materiale che è un centinaio di migliaia di volte più pesante dell’acqua e più denso rispetto al nucleo del Sole è stato recentemente prodotto presso l’Università di Göteborg, in Svezia. Gli scienziati che lavorano a questo materiale tentano un processo energetico che sia più sostenibile e meno dannoso per l’ambiente rispetto al nucleare utilizzato oggi.

I primi risultati pubblicati in due riviste scientifiche hanno dimostrato che la distanza tra gli atomi nel materiale è molto inferiore a quella normale. Leif Holmlid, professore presso il Dipartimento di Chimica, ritiene che questo sia un passo importante sulla strada per l’uso commerciale del materiale. Questo nuovo materiale è prodotto a partire dall’idrogeno pesante, anche noto come deuterio, ed è quindi noto come “deuterio ultra-denso“. Si ritiene che esso svolga un ruolo nella formazione delle stelle, e che probabilmente è presente in pianeti giganti, come Giove.

Ma quali sono le potenzialità di questo super-materiale? Secondo Holmlid:

Una motivazione importante per la nostra ricerca è che il deuterio ultra-denso può essere un carburante molto efficiente nella fusione nucleare laser. E’ possibile realizzare la fusione nucleare tra i nuclei del deuterio utilizzando laser ad alta potenza, rilasciando grandi quantità di energia.

La tecnologia laser è stata a lungo testata sul deuterio congelato, noto come “deuterio di ghiaccio“, ma i risultati sono stati scarsi. Essa ha dimostrato che è molto difficile comprimere il deuterio ghiacciato a sufficienza per raggiungere l’alta temperatura necessaria per innescare la fusione. L’ultra-deuterio è denso un milione di volte di più rispetto al deuterio congelato, il che rende relativamente facile creare una reazione di fusione nucleare ad alta potenza utilizzando impulsi di luce laser.

Se siamo in grado di produrre grandi quantità di deuterio ultra-denso, il processo di fusione può diventare la fonte energetica del futuro. E può diventare disponibile molto prima di quanto possiamo pensare. Inoltre, riteniamo che siamo in grado di progettare la fusione del deuterio tale da produrre solo elio e idrogeno come scarti, che non sono per nulla pericolosi. Non sarà necessario affrontare la problematica dell’alta radioattività del trizio che accade negli altri tipi di futuri reattori a fusione, e questo significa che la fusione nucleare laser, sarà più sostenibile e meno dannosa per l’ambiente rispetto agli altri metodi.

Fonte: [Sciencedaily]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.