Come ti friggo il clima: disastri ambientali all’olio di palma

di Paola P. 6

“Come ti friggo il clima” è un rapporto di Greenpeace, dello scorso anno, in cui si denuncia l’abbattimento delle foreste, in special modo in Indonesia, per far posto alle piantagioni di palma.
L’olio del frutto della palma viene ampiamente impiegato nell’industria cosmetica, alimentare e nella produzione di biocarburanti.

Il disboscamento a favore delle coltivazioni di palme è responsabile di ben il 4% delle emissioni totali di gas serra.


Secondo quanto si legge in un comunicato stampa di Greenpeace del novembre scorso:
L’espansione delle piantagioni di palma da olio nelle foreste torbiere indonesiane viene praticata drenando il terreno con un reticolo di canali. Questi vengono inizialmente impiegati come via per il trasporto dei tronchi di valore commerciale rimossi dalla foresta, quindi vengono svuotati per far defluire l’acqua e prosciugare il terreno. Malgrado questa pratica sia vietata, la biomassa residua viene normalmente rimossa con il fuoco immettendo nell’atmosfera immani quantità di CO2.
Le foreste vanno in fumo, aggravando i già deleteri cambiamenti climatici in corso.

Ma non si tratta degli unici rischi per l’ambiente provocati dall’olio di palma.
La foto sopra mostra una colata di dieci tonnellate di olio, finite in mare, in Colombia, a causa di una valvola chiusa male in un impianto di lavorazione.
I portavoce dell’azienda sostengono che non sarebbero affatto nocive e che non avrebbero alcuna conseguenza sull’ecosistema marino, ma i pescatori del luogo hanno affermato di aver visto molti pesci morti galleggiare sull’acqua.

L’unica cosa che sembra accertata è la gravità di più di un disastro ecologico, provocato dallo stesso fattore: l’olio di palma.
Un’industria che non può certo essere fermata, dal momento che ne va dell’economia di molti Paesi in via di sviluppo.
Quello che andrebbe cambiato è il modo di sfruttare le risorse. Non ci può proprio essere un equilibrio tra profitto industriale ed impatto ambientale? Trovarlo è la chiave della risoluzione ai problemi ecologici attuali. Uno sforzo che dovrebbe vedere unite non solo associazioni di attivismo ambientale come Greenpeace, ma soprattutto le istituzioni, le nazioni ed i singoli cittadini, che non vogliono un clima fritto.

Commenti (6)

  1. La Foto Della Costa E’ Inquietante!

    …Io Ci Manderei I Dirigenti Di Queste Multinazionali A Farsi Un Bel Bagno!

  2. dicono che non sia inquinante, ma i pesci muoiono: non saranno mica intolleranti alla soia?

    1. wh0cd533255 [url=http://atenolol247.us.com/]Generic Atenolol[/url] [url=http://clonidine365.us.com/]clonidine online[/url]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.