Fab tree hab: la “pianta” della casa ecologica, ovvero coltivare un’abitazione!

di Redazione 6

Non ci crederete mai, eppure è proprio questo l’ambizioso progetto, che più verde non si può, degli ecoarchitetti statunitensi Mitchell Joachim e Javier Arbona: piantare una casa, che cresca direttamente dai semi nel terreno.
Sarebbe bellissimo, ci sentiremmo tutti un po’ mitiche creature degli alberi, ed al posto di grigi palazzi tutti uguali, avremmo foreste di alberi-dimora a far da villaggio. Sogno, utopia, chimera?

Sarà anche impossibile da realizzare, ma crederci non fa male e, quando vi avrò illustrato i dettagli tecnici delle case vegetali, non sembrerànno poi così belle impossibili.
Al progetto della casa viva e vegeta partecipa anche l’ingegnere ambientale Lara Green (il cognome non vi sembra azzeccatissimo?) che, insieme ai due prima citati ecoarchitetti, hanno studiato il modo di far nascere un albero che possa ospitare al suo interno una casa.


Le piante crescerebbero con l’aiuto di gabbie guida, andando così a formare l’impalcatura esterna dell’abitazione. Il rivestimento esterno sarà formato da ramoscelli ed arbusti, mentre gli alberi più forti faranno da struttura portante.
Le pareti interne saranno fatte di argilla e paglia, ricoperte da uno strato di intonaco per evitare l’infiltrazione di agenti esterni. Per permettere un adattamento allo “sviluppo” dell’abitazione, il materiale scelto per le finestre è la plastica di soia, molto flessibile e soprattutto ecologico.

Ma se pensate che questa sia una dimora per uomini primitivi, state pure tranquilli: avrà tutte le comodità e tutti i comforts, ovviamente rinnovabili: pannelli solari per l’energia elettrica, un sistema idrico per riciclare l’acqua.
La struttura esterna ha un tempo di crescita di cinque anni, il prototipo di questo modello sarà cresciuto e pronto verso il 2011.
Vada a buon fine o meno, certo è che non esiste niente di più verde ed ecologico di questa casa! I problemi di energia ed inquinamento sarebbero risolti. Pensate poi a quanto risparmieremmo sul mutuo: un albero non dovrebbe costare poi tanto… e magari invece che al metro quadro, pagheremmo per ogni ramo il corrispettivo dovuto! Sarà anche un’utopia, ma non vedo l’ora di vederla…
[via]

Commenti (6)

  1. L’Unico Problema Sarebbero Gli Insettini Che Pullulano Ovunque In Una Pianta 😉 E Che Senza Di Essi La Porterebbero Al Collasso… E Alla Successiva Morte…

    Resistera’ L’Uomo Senza Spruzzare Il DDT? 😛

  2. permettetemi una battuta. Ve lo immaginate durante un momento di intimità cosa accadrebbe con una folata di vento in autunno inoltato? Mettete una buona recinzione lontana dalla strada, in modo che le persona non facciano uno spuntino nei pressi…

  3. Ma è bellissima, me la sogno di notte, una casa così.
    (io già adesso, in una casa tradizionale e quasi per niente ecologica, convivo con insetti e ragni vari, e già adesso devo subire i piccoli rifiuti accartocciati che i vicini e i passanti gettano nel cortiletto).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.