Ideato un metodo per far diventare i pannelli solari più potenti e meno costosi

di Redazione Commenta

Uno dei principali svantaggi dell’uso delle energie rinnovabili è sicuramente il costo. Attraverso la tesi “La preparazione e lo studio di pellicole sottili per applicazioni fotovoltaiche” presentato all’Università Jaume I, Teodor Krassimirov ha tentato di rendere lo sviluppo di efficaci pannelli solari più facile e meno costoso.

In questa tesi, egli propone l’uso di metodi di sintesi più economici utilizzando i composti a base di zolfo (calcopiriti) come alternativa a quelli usati fino ad ora. Delle sottili pellicole per le applicazioni fotovoltaiche sono ottenute attraverso costosi processi di sintesi che hanno bisogno di essere ottimizzati. Dice Purificación Escribano, docente di Chimica Inorganica e co-direttore della tesi insieme al docente senior Juan Carda:

Abbiamo deciso di proporre un processo di sintesi a basso costo per la preparazione della pellicola basato sulla struttura della calcopirite come alternativa al silicio, che è un materiale altamente efficiente, ma costoso da ottenere.

L’obiettivo è di proporre i materiali più adatti per lo sviluppo della pellicola che assorbano la luce su pannelli solari. Secondo Escribano, la ricerca gli ha permesso di ottenere un materiale che si deposita come una pellicola in sistemi molto efficienti per lo stoccaggio di energia fotovoltaica, ma un metodo meno costoso avrà bisogno di più lavoro per essere ottimizzato.

La calcopirite è basata su tecnologie ad alte prestazioni e stabilità, e per questo motivo, è considerata molto promettente per la produzione su larga scala di moduli fotovoltaici ad un costo inferiore, il quale aprirà una strada praticabile per l’industria fotovoltaica in grado di soddisfare le esigenze globali.

Inoltre, secondo la tesi di laurea, la possibilità di utilizzare gli strati dei moduli fotovoltaici porterebbe ad un enorme risparmio di materiali molto costosi e alla semplificazione del processo di fabbricazione. Allo stesso tempo, le forme saranno omogenee ed eleganti, attraenti per l’integrazione architettonica. La ricerca affronta alcuni degli ostacoli tecnologici e scientifici per lo sviluppo dell’energia solare, che è una delle energie rinnovabili con il maggior potenziale.

Fonte: [Sciencedaily]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.