Il Movimento 5 Stelle attacca l’Enel per le proteste contro Greenpeace

di Matteo Carriero 1

Anche il Movimento 5 Stelle si schiera contro l’Enel per le proteste pilotate organizzate dalla dirigenza della multinazionale contro Greenpeace, e spacciate per manifestazioni spontanee di operai, che in realtà erano pianificate fin nei minimi dettagli (dimensioni, frasi, addirittura dimensione del carattere negli striscioni). Morra e Nuti del M5S scrivono direttamente all’azienda chiedendo spiegazioni.

La battaglia infinita tra gli attivisti di Greenpeace e l’Enel conosce una nuova pagina. Poco dopo che Il Fatto Quotidiano con un articolo aveva svelato che le proteste degli operai del 2008 erano completamente manovrate e pilotate dalla dirigenza dell’Enel contro Greenpeace, ora il Movimento 5 Stelle interviene nella diatriba. Scrivono i due capigruppo Nicola Morra e Riccardo Nuti:

La notizia ha dell’incredibile. Le carte di un processo in corso a Brindisi contro alcuni dirigenti Enel, per danni ambientali causati dalla centrale a carbone di Cerano, fanno emergere un quadro che sarebbe grottesco: quello di una grande multinazionale, controllata dallo Stato, che per ribattere le critiche di un’associazione ambientalista organizza finte manifestazioni, utilizzando i suoi lavoratori come comparse, strumentalizzandone il ruolo e piegandone dignità e autonomia ai suoi scopi. Scopi che, al momento, paiono ben poco meritori.

I parlamentari 5 Stelle sono intenzionati a chiedere spiegazioni all’Enel e a denunciare all’opinione pubblica, anche loro, gli imbarazzanti giochetti dell’Enel. Il manager Fulvio Conti deve “chiarire questa squallida vicenda”, scrivono i capigruppo del Movimento 5 Stelle.

E non solo, e qui viene il bello. Riflessioni che risultano del tutto inedite in Italia: il Movimento 5 Stelle infatti, in difesa di Greenpeace e contro il colosso delle fonti fossili, chiede anche al ministero del Tesoro dov’è il suo commento, e forse ancora più interessante, interpella anche i sindacati: possibile che non abbiano niente da dire contro l’Enel? Possibile che siano sempre così silenziosi?

In parlamento i capigruppo ricordano come Greenpeace sia un’associazione impegnata in una “campagna contro l’uso che la multinazionale italiana fa del carbone”, in una battaglia per il futuro, per l’ambiente e il benessere di tutti. Bisogna dire che non capita spesso di vedere una posizione così netta in difesa di un’associazione ambientalista, nel Parlamento italiano. Ora ci aspettiamo che i 5 Stelle non lascino cadere l’argomento.

Photo credits | Getty Images

Commenti (1)

  1. wh0cd715204 [url=http://viagracheap.us.com/]VIAGRA CHEAP[/url] [url=http://cipro365.us.com/]cipro for sale[/url] [url=http://tadalafil365.us.com/]tadalafil cost[/url] [url=http://albendazole.us.com/]Albendazole[/url] [url=http://precose.us.com/]precose[/url] [url=http://seroquelxr.us.com/]Seroquel XR[/url] [url=http://erektionen.se/cialis.html]potenspiller[/url] [url=http://augmentin.us.com/]augmentin 875 price[/url] [url=http://nexium.us.com/]Nexium At Lowest Cost[/url]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.