Inquinamento Malpensa, l’UE mette in mora l’Italia

di Marco Mancini 1

L’aeroporto di Malpensa inquina talmente tanto da aver costretto l’Unione Europea ad aprire una procedura d’infrazione nei confronti dell’Italia. Ma non solo. Il problema non sono soltanto le emissioni, ma l’intero impatto che la struttura ha su uno dei polmoni verdi dell’Italia, il Parco del Ticino, Sito di Interesse Comunitario. La vicenda va avanti da oltre dieci anni, e la Corte d’Appello di Milano aveva già dato un segnale all’Italia in questo senso, condannando il Ministero dei Trasporti e la Società Esercizi Aeroportuali (Sea) per un totale tra le varie spese di circa 7 milioni e mezzo di euro.

L’accusa è la distruzione di qualcosa come 120 mila alberi nella Brughiera del Dosso ed un impatto rilevante su 220 ettari del Parco del Ticino, a cui si aggiungono emissioni superiori di 4-5 volte ad una delle zone più trafficate dell’area milanese come il casello di Milano Sud della A1. E che dire dell’inquinamento acustico che raggiunge picchi di 92 decibel?

La causa è iniziata nel lontano 1999 e negli anni ci sono state solo conferme di questo incredibile impatto. La sentenza infatti risale al 2008, il Corpo Forestale dello Stato ha confermato il problema e lo ha segnalato al Ministero dell’Ambiente nel 2010, definendolo “disastro ambientale” a danno dei cittadini. Ma nonostante tutto questo non si sono presi provvedimenti di alcun tipo. Fino ad oggi quando la Comunità Europea ha avviato la procedura d’infrazione verso lo Stato italiano per non aver intrapreso le contromisure necessarie a fare fronte al problema.

Ciò che viene chiesto ai responsabili dell’aeroporto di Malpensa non è di certo che venga chiuso, ma soltanto che si intraprenda una pianificazione sull’impatto ambientale che garantisca “il rispetto della natura e della vita”, come si legge sul comunicato. Vedremo come reagiranno le parti in causa, anche se un ricorso in appello appare ormai una procedura scontata.

Photo Credits | Getty Images

Commenti (1)

  1. Malpensa dovrebbe essere ridimensionata
    così è devastante

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.