Italia libera dagli OGM, agricoltori e ambientalisti uniti nella protesta

di Redazione 1

Italia libera dagli OGM: questa la richiesta, stringata e decisa, di agricoltori e ambientalisti, sempre più uniti nella protesta, che ha avuto ieri a Roma una nuova manifestazione davanti Montecitorio. La richiesta, più precisamente, è quella di un divieto definitivo di coltivazione di OGM in Italia.

Agricoltori e ambientalisti, come è noto, non sempre vanno d’accordo. Ma il tema OGM riesce a unire queste due categorie, per dare vita a delle belle manifestazioni congiunte. Dopo la semina del mais Mon810 nel Friuli Venezia Giulia, causata da una sorta di leak, una sorta di buco o difetto sfruttabile nella legislazione italiana, si chiede ora che si ponga definitivamente una toppa alla legge, imponendo un chiaro e definitivo divieto assoluto di coltivazione degli OGM in Italia.

Coldiretti, Greenpeace, Legambiente, Slow Food e ancora agricoltori e agricoltori, tutti insieme per dire basta, come “hanno fatto già 8 stati membri dell’UE”. Coldiretti non ha mancato di ricordare che il 76% degli italiani, secondo gli ultimi sondaggi, è contrario agli OGM. Vittorio Cogliati Dezza, presidente di Legambiente, è intervenuto a sua volta sulla questione, che

rischia di portare sull’orlo del baratro l’intera agricoltura italiana. È quindi necessario che ci sia un’unicità di intenti da parte dei tre ministeri competenti (Salute, Ambiente e Agricoltura) nel richiamare il principio di precauzione e manifestare subito la netta contrarietà ad ulteriori tentativi di coltivazione di Ogm.

Detto ciò, risulta di estremo interesse a questo punto il parere del Ministro della Salute, Beatrice Lorenzin. Il ministro, spesso criticato, ha speso parole piuttosto interessanti, sottolineando come, oltre a guardare “con attenzione alle decisioni assunte del Ministero delle Politiche Agricole

desta preoccupazione la linea europea in base alla quale è possibile la messa a coltura secondo pratiche biotech, anche se questo non ricade sul consumo.

Se è vero che la politica europea per gli OGM è in effetti preoccupante, per certi versi, bisogna tuttavia ricordare che altri paesi ci hanno preceduti, vietando senza tanti giri di parole le colture di OGM. Le possibilità di farlo, quindi, ci sono.

Photo credits | revolutionecolo su Flickr

Commenti (1)

  1. wh0cd916742 [url=http://buy-amoxil.website/]amoxil[/url] [url=http://vibramycin.click/]vibramycin[/url] [url=http://zoviraxcream.site/]zovirax ointment for cold sores[/url] [url=http://bupropion.lol/]bupropion xl 150 mg[/url] [url=http://buyhydrochlorothiazide16.top/]buy hydrochlorothiazide[/url] [url=http://antabuse-medication.gdn/]buy generic antabuse[/url]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.