Il riscaldamento globale è già realtà in Kuwait

di Marco Mancini Commenta

Dal 1985, la temperatura dell’acqua di mare nella Kuwait Bay, nel nord del Golfo Persico, è aumentata in media di 0,6 ° C per decennio. Questo è circa tre volte più veloce del tasso globale medio riferito dal Gruppo intergovernativo sui cambiamenti climatici (IPCC). Le differenze sono dovute agli effetti regionali e locali. L’aumento delle temperature sta avendo effetti profondi sui principali habitat e sulla produzione di energia elettrica nel Golfo Persico.

Il ricercatore Dr Thamer Al-Rashidi del National Oceanography Centre di Southampton ha spiegato:

Poiché le acque della baia del Kuwait sono ben mescolate dalle maree, le misurazioni della temperatura della superficie del mare può essere utilizzata per valutare l’andamento della temperatura nel corso del tempo, nella baia nel suo complesso.

Lui e i suoi colleghi hanno utilizzato i dati sulla temperatura della superficie del mare (1985-2007) telerilevati da una serie di satelliti in orbita polare per valutare il riscaldamento in Kuwait Bay e nella regione del Golfo. I dati sono stati registrati con misurazioni dirette della temperatura della superficie del mare, e sono in accordo con le tendenze della temperatura dell’aria registrata presso l’aeroporto del Kuwait, per verificare le tendenze trovate nei dati satellitari.

Essi hanno scoperto che la temperatura della superficie del mare della baia del Kuwait è aumentata nel periodo di riferimento ad un tasso medio di circa 0,62 ° C per decennio, con un margine di più o meno 0,01 ° C.  L’incremento è stato maggiore all’inizio dell’estate ed anche durante i mesi invernali. La lunghezza del periodo estivo è cresciuta di circa due volte più velocemente del picco di temperatura estiva. Nel 1998 e nel 2003, le misurazioni mensili della temperatura della superficie del mare hanno mostrato picchi particolarmente elevati di temperatura estiva coincidenti con El Niño, il riscaldamento periodico dell’atmosfera e degli oceani che interessa le condizioni meteo in molte parti del mondo. A causare tutto questo è

il fumo denso dalla combustione dei giacimenti di petrolio appeso sopra la regione che blocca il sole, e crediamo che questo oscuramento atmosferico abbia causato il picco relativamente basso della temperatura estiva registrata

ha spiegato il dottor Al-Rashidi. Tuttavia la temperatura successivamente è aumentata abbastanza costantemente tra il 1992 e il 2004.

I ricercatori stimano che circa un terzo (0,2 ° C) dell’aumento osservato decennale della temperatura dell’acqua di mare nella Kuwait Bay può essere attribuito al cambiamento climatico globale, mentre circa il 13% (0,08 ° C) è dovuto alle attività umane lungo la costa della baia, in particolare per l’impatto diretto degli impianti elettrici e di desalinizzazione.

I restanti 0,3 ° C (50%), del riscaldamento sembrano essere dovuti ai cambiamenti nelle correnti regionali, tra cui la circolazione e la miscelazione di acqua di mare nel Golfo Persico, l’influenza dominante del nord-ovest (Shamal), flusso di acqua dolce dall’Eufrate e dal Tigri, e dalle tempeste di sabbia.

L’aumento della temperatura dell’acqua di mare è probabilmente responsabile, almeno in parte, della riduzione di ossigeno disciolto provocando l’uccisione di enormi banchi di pesce durante l’estate, ed anche per lo sbiancamento del corallo. In generale, i ricercatori avvertono che le temperature elevate possono portare ad un grave degrado ambientale negli ecosistemi sensibili marini del Golfo Persico.

La frequenza delle tempeste di polvere è aumentata negli ultimi anni a causa della diminuzione delle precipitazioni e all’aumento della desertificazione. Come questo potrà interagire con altri fattori locali, regionali e globali per influenzare le temperature a medio e lungo termine rimane incerto. Insomma, quello che potrebbe accade al resto della Terra tra qualche decennio sta già accadendo in Kuwait. Bisognerebbe osservare ed imparare.

Fonte: [Sciencedaily]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.